Stazioni metro chiuse e strade ai maratoneti, domenica nera per i lavoratori del centro: "Raggi chiuda negozi"

Oltre a Barberini, Spagna e Repubblica chiusa anche Colosseo, vie sbarrate per consentire la Maratona. Iacovone (Cobas): "Situazione è folle"

Da una parte le stazioni della metro chiuse per i problemi alle scale mobili, dall'altra le strade transennate e una lunga lista di bus deviati per consentire lo svolgimento della XXV Maratona di Roma. 

Stazioni metro chiuse: Roma senza centro

Il centro della città domenica 7 aprile sarà pressochè irraggiungibile, ancor più isolato rispetto agli ultimi tempi con residenti, negozianti e turisti "intrappolati" da chiusure, guasti e un trasporto di superficie che non riesce a sopperire a quello della metropolitana. [TUTTI I BUS DEVIATI DI DOMENICA 7 APRILE]

Maratona: metro e strade chiuse 

In occasione della Maratona di Roma, oltre alle stazioni della Metro A Barberini, Spagna e Repubblica, resterà chiusa anche Colosseo, sulla linea B. Niente stop da inizio servizio sino a cessate esigenze.

Intorno sbarramenti e pattuglie della Polizia Locale a deviare il traffico lontano dai 10mila corridori impegnati nella Maratona più affascinante del mondo. Così Roma si ritroverà "senza centro", con il cuore della Città Eterna inaccessibile se non superando grandi difficoltà. Un calvario per centinaia di lavoratori impiegati nel centro storico: nei bar, nei locali, nelle strutture ricettive e nei negozi delle vie dello shopping.

Tutti alle prese con stazioni metro chiuse, bus e navette sostitutivi, strade impercorribili. Un'odissea per quanti devono raggiungere o staccare da via dei Condotti, via Frattina, via del Babuino, via del Corso, e via del Tritone solo per citarne alcune. [TUTTE LE INFO SU NAVETTE E PERCORSI ALTERNATIVI]

Stazioni metro A chiuse, centro off limits: per i lavoratori "odissea su mezzi e navette"

La "folle" situazione dei lavoratori del centro

"Domenica la vera Maratona, anzi una corsa ad ostacoli, la faranno sicuramente i lavoratori del centro ormai alle prese con un'odissea quotidiana per arrivare o andar via dal proprio posto di lavoro" - denuncia Francesco Iacovone, sindacalista del Cobas nazionale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Vista la palese emergenza, che sembra senza soluzioni, la Sindaca per domenica emani un'ordinanza di chiusura per i negozi del centro. Lo deve a centinaia di lavoratori che di fatto, da settimane, vivono un incubo dato dalle ineffcienze della città. Raggi chiuda i negozi visto pure che - aggiunge Iacovone - il suo 'compare' di Governo, il ministro Di Maio, aveva fatto una promessa in tal senso di cui però si sono perse le tracce. La situazione per i lavoratori del centro di Roma - conclude il sindacalista - è davvero folle". 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus: a Roma oggi tre nuovi contagi, sono 862 i casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Fiumicino positivo dipendente di un ristorante. Il sindaco: "Tampone e isolamento per i clienti"

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

Torna su
RomaToday è in caricamento