rotate-mobile
Politica

Ferrara (M5s): "Non ricandidare Raggi è come fermare Michelangelo che lavora alla Cappella Sistina"

L'ex capogruppo paragona la sindaca al più grande nome del Rinascimento italiano. Massimo Giletti (La7) lo scambia per un semplice sostenitore: "Sarà un suo fan particolare"

"È un pò come se Giulio II, il Papa delle arti, avesse impedito improvvisamente a Michelangelo di terminare la decorazione della volta della Cappella Sistina. È una questione di opportunità, non per gli individui, ma per i romani". La sindaca Raggi come Michelangelo Buonarroti, il più grande artista del Rinascimento italiano. 

Un paragone un po' ambizioso quello dell'ex capogruppo M5s Paolo Ferrara, che d'accordo con il capo politico Vito Crimi sulla possibilità di derogare alla regola del doppio mandato per spianare la strada al Raggi bis, si lancia in similitudini che non passano inosservate. 

"C'è anche chi si è buttato in paragoni eccessivi" commenta Massimo Giletti conduttore di Non è l'arena che proprio ieri sera ha intervistato la sindaca, scambiando Ferrara per un suo ultrà: "Sarà un suo fan particolare interno al movimento"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrara (M5s): "Non ricandidare Raggi è come fermare Michelangelo che lavora alla Cappella Sistina"

RomaToday è in caricamento