Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica

Ama, Raggi silura i suoi vertici: ieri esaltati per i risultati raggiunti, oggi cacciati per gli "obiettivi mancati"

Nelle motivazioni della revoca anche i risultati insoddisfacenti. Eppure la sindaca ha osannato per mesi il lavoro svolto chiedendo fiducia, e pazienza, ai romani

Raggi ha revocato il cda di Ama attaccando l'azienda per presunte irregolarità nel bilancio 2017, bocciato e bloccato. Ma nelle motivazioni inserite nell'ordinanza che azzera i vertici è contenuta una critica pesante non solo alle questioni contabili. Si parla di "carenze gestionali" e di un "livello di criticità tale da far dubitare dell'affidabilità dell'attuale gestione aziendale". E c'è anche la presa d'atto dei "disservizi" e del "mancato raggiungimento da parte della governance degli obiettivi prefissati".

Quindi le performance sulla raccolta differenziata - al momento presente con il nuovo modello porta a porta e i kit microchippati in meno di due municipi (VI e X), e non sempre con buoni risultati - sono diventate all'improvviso insoddisfacenti? Eppure Raggi ha difeso il modello e la sua applicazione per mesi, anche e soprattutto di fronte all'evidenza di strade sporche e marciapiedi invasi dai sacchetti. 

Il piano Ama, con l'obiettivo del 70% di differenziata nel 2021 e gli impianti di compost e multimateriale, è stato rivenduto fin dall'inizio dal Campidoglio come il fiore all'occhiello dell'amministrazione. E ai romani si chiedeva pazienza. Perché per il "cambiamento" ci vuole tempo. Neanche a gennaio, quando sono uscite le linee guida del piano industriale, con i numeri della differenziata ridimensionati (il 55% invece che il 65) rispetto a quanto fissato dal Campidoglio, si sono levate critiche se non da qualche consigliere malpancista. 

A luglio 2018 Raggi scriveva sul nuovo porta a porta: "Voglio ringraziare Ama che sta applicando a ritmi serrati il nuovo modello di raccolta differenziata e il Conai per l'importante supporto". Poi ad agosto: "Andiamo avanti senza sosta per restituire dignità e decoro alla città". E ancora: "I nostri obiettivi restano fermi: riduzione della produzione di rifiuti di 200mila tonnellate, la raccolta differenziata al 70% entro il 2021 e la realizzazione di un'impiantistica sostenibile. Noi ce la stiamo mettendo tutta. Ai cittadini chiedo di darci fiducia e di stare dalla nostra parte". Sei mesi dopo però è la sindaca per prima a perdere la fiducia nei suoi vertici, quelli da lei nominati e difesi, al punto da optare per una ripartenza da zero nonostante il poco tempo a disposizione e le urgenze legate alla gestione dell'igiene urbana. Difficile chiedere ai romani di fidarsi, quando quello che per mesi è stato raccontato come il miglior modo possibile di procedere ha dato pessimi frutti, stavolta per ammissione della stessa Raggi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ama, Raggi silura i suoi vertici: ieri esaltati per i risultati raggiunti, oggi cacciati per gli "obiettivi mancati"

RomaToday è in caricamento