rotate-mobile
Politica Ostia

Raggi incontra Camilla, la ristoratrice simbolo dei locali piegati dal Covid: "Il Governo apra anche a cena"

La sindaca è andata ad Ostia per incontrare Camilla: "I ristoratori hanno perfettamente capito quali sono le regole da rispettare così come la maggior parte dei cittadini"

Ristoranti aperti anche a cena. Virginia Raggi, ancora, torna in pressing sul Governo di Mario Draghi e, da Ostia, rilancia un appello che aveva già fatto suo un mese fa. La Sindaca ha incontrato sul lido Camilla Moccia, una giovane ristoratrice di Ostia, titolare del 'Bistrot della pasticciona' sul litorale e divenuta simbolo dei ristoratori piegati dalle conseguenze del Covid.

La sua storia è stata raccontata da RomaToday e ha fatto il giro del mondo. L'immagine che la ritrae in un momento di stanchezza, di sconforto, dopo aver appreso che il Lazio sarebbe diventato zona rossa, è diventata virale. In molti si sono immedesimati in questa ragazza. D'altronde, come ha sottolineato anche Raggi, "dietro ogni saracinesca abbassata ci sono storie da raccontare, famiglie che vivono sullo loro pelle gli effetti della crisi".

La Sindaca, in un video messaggio registrato davanti al Bistroti di Camilla e diffuso sui social, ha poi lanciato un appello: "I ristoratori hanno perfettamente capito quali sono le regole da rispettare così come la maggior parte dei cittadini: mascherine, distanziamento e igienizzazione delle mani. Appena si uscirà dalla zona rossa auspichiamo che il Governo prenda in considerazione la possibilità di far lavorare i ristoranti anche a cena, sempre nel rispetto delle regole".

"Questo significherebbe anche restituire dignità a tanti operatori che stanno facendo molti sacrifici. Camilla in particolare ha aperto proprio l'anno prima della pandemia: ha voglia di ricominciare, rispettando le norme. - sottlinea Raggi - In un momento in cui le attività commerciali sono in ginocchio a causa dell’emergenza sanitaria, bisogna sostenerle e aiutarle a ripartire. Come amministrazione abbiamo provato a farlo con azioni concrete come il taglio delle tasse o, come accaduto per i ristoratori, offrendo la possibilità di occupare straordinariamente e gratuitamente il suolo pubblico con tavolini all’aperto. Abbiamo anche destinato un fondo da 3 milioni di euro per il microcredito- Non possiamo correre il rischio che le persone diventino vittime dell'usura. Le Istituzioni devono essere punto di riferimento. Non lasciamo indietro nessuno".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raggi incontra Camilla, la ristoratrice simbolo dei locali piegati dal Covid: "Il Governo apra anche a cena"

RomaToday è in caricamento