Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile arriva nei Municipi. Entro agosto sarà votato in Campidoglio

Atteso per l'estate il via libera al PUMS, dopo lo step di "confronto" appena avviato nei municipi. Assessora Meleo: "Passaggio fondamentale per proseguire la progettazione ed ottenere i fondi ministeriali per le nuove infrastrutture

La presentazione del PUMS: immagine di repertorio

Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile esce dalla dimensione virtuale ed approda nei territori. Il 18 marzo infatti, nella sala rossa di piazza Cinecittà, si è svolto un incontro con la cittadinanza. Il primo organizzato nei Municipi dopo la chiusura delle votazioni online che ne hanno permesso la stesura.

Un passaggio fondamentale

“Siamo pronti ad avviare l’ultima fase di ascolto con il territorio per recepire le osservazioni dei cittadini e illustrare la proposta tecnica del piano di mobilità su Roma. Un altro tassello che ci avvicina alla stesura finale del PUMS – ha ricordato l'assessora capitolina alla Mobilità Linda Meleo – Sono tutti passaggi fondamentali per proseguire la progettazione ed ottenere i fondi ministeriali necessari alla realizzazione di nuove infrastrutture”.

Le opere invarianti: la priorità dell'amministrazione

Il Piano Urbano della Mobilità, prevede sei opere invarianti. Si tratta di interventi, come l'acquisto di 50 nuovi tram, che l'amministrazione ha anteposto ai progetti proposti e votati dai cittadini. Non compaiono quindi nè i prolungamenti della Metro C, nè la Metrovia e neppure il biciplan promosso dall'Associazione Salvaiciclisti. Al contrario prevede opere che, il Campidoglio, ha ritenuto prioritarie. Sono la linea ferroviaria Termini Tor Vergata, la funivia di Magliana e quella di Battistini-Casalotti e poi ci sono i tram: quello che collega Piazza Vittorio con largo Corrado Ricci, quello sulla Palmiro Togliatti e l'ultino invece che congiunge piazzale del Verano con la Tiburtina.  

Uno step fondamentale

Per la sindaca Raggi, che con la sua giunta ha appena approvato il PUMS, quello avviato il 18 marzo a Cinecittà rappresenta "uno step intermedio" che è "indispensabile alla definizione del piano di mobilità che vogliamo realizzare per la Capitale. Un piano per i trasporti che porti a investimenti in settori importanti e garantisca nuovi posti di lavoro e infrastrutture a servizio di Roma”.

L'iter amministrativo

Sul piano amministrativo il PUMS prevede, dopo la recente approvazione in Giunta, una fase di ascolto e confronto con i municipi. Durerà grossomodo fino a giugno e sarà utile per definire eventuali modifiche rispetto ai progetti  presentati. Seguirà infine il passaggio del voto in Aula Giulio Cesare, previsto per il mese di agosto. Solo allora potranno essere chiesti dei fondi al Ministero delle infrastrutture per avviare, come ricordavano la Sindaca e  l'assessora Meleo, opere che contribuiranno a cambiare il trasporto pubblico nella città. Si tratta di inteventi possono essere realizzati in un arco temporale di 5- 10 anni. Nelle more che il piano sia realizzato però, si parte comunque con le opere invarianti già citate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stadio e la corsa contro il tempo

L'attuazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile non è importante solo per i quadranti direttamente interessati dai futuri cantieri. Lo è anche per future edificazioni previste in città. Ed in particolare per quelle legate al progetto dello Stadio della Roma. E' stato infatti proprio il PUMS a persuadere il Politecnico di Torino che il progetto previsto a Tor di Valle, non avrebbe avuto esiti catastrofici sulla mobilità. La condizione essenziale però è che, questi interventi previsti nel piano, siano completati prima dello stadio stesso. E quindi il tempo stringe perchè, come annunciato dalla Sindaca, il cantiere a Tor di Valle sarà avviato entro il 2019. La corsa del PUMS è quindi iniziata. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento