Politica Via 20 Settembre

Venerdì di protesta: "Draghi ribelli" al Tesoro, indignati in piazza

I "Draghi ribelli" si danno appuntamento in via XX Settembre davanti al ministero dell'Economia per manifestare contro la crisi. Gli indignati in piazza del Popolo e le assemblee studentesche

Mobilitazioni, assemblee e flash-mob per un venerdì 11 novembre di protesta nella Capitale. Il movimento dei "draghi ribelli", nato un mese fa in opposizione all'ex governatore di Bankitalia Mario Draghi (oggi capo della Bce), si da appuntamento in via XX Settembre, davanti alla sede del Ministero dell'Economia, delle Finanze e del "Nostro Tesoro", come recita uno degli slogan dei contestatori. "Occupiamo il tesoro, occupiamo Roma, occupiamo tutto", si legge sulla lettera alla città di Roma diffusa dai "draghi" sulla loro pagina Facebook: l'intento è quello di manifestare contro "i forzieri delle banche, delle fondazioni e dei ministeri", invitando tutta la città a farlo "per capire come possiamo reagire alla crisi".

In mattinata i "draghi" sosterranno il Comitato romano "Acqua bene comune" contro le privatizzazioni e per i beni comuni, manifestando alle ore 9 nei pressi della sede Acea a Piramide contro il sostegno dell'azienda al comitato per il No al referendum e inscenando un flash-mob. In programma anche l'assemblea pubblica degli indignati accampati in piazza Santa Croce in Gerusalemme, alle 16 in piazza del Popolo "contro lo sfruttamento delle persone, la speculazione sui beni comuni e lo spreco delle risorse".

In alcuni licei romani (Russel e Croce), invece, si terranno assemblee d'istituto sul movimento studentesco, in attesa della giornata mondiale per il diritto allo studio del 17 novembre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venerdì di protesta: "Draghi ribelli" al Tesoro, indignati in piazza

RomaToday è in caricamento