Affrancazioni, acquirenti protestano in Tribunale: "Le nostre case non valgono più niente"

I manifestanti hanno riconsegnato simbolicamente le chiavi delle loro abitazioni

“Restituiamo simbolicamente le chiavi delle nostre case perché, a causa di un cortocircuito giuridico, hanno perso il loro valore. Non possiamo venderle né affittarle”. Stella Teodonio fa parte del Comitato acquirenti dei piani di zona che questa mattina, insieme all’Associazione Area 167, ha protestato davanti al Tribunale di Roma di viale Giulio Cesare per manifestare contro gli effetti che le modifiche di legge introdotte nel dicembre del 2019 dal governo gialloverde stanno avendo sulle loro cause. “Una legge ingiusta che permette a chi ha venduto la propria casa al doppio o al triplo del suo valore di sanare retroattivamente la situazione”. 

Stiamo parlando di abitazioni realizzate in regime di edilizia convenzionata, acquistate a prezzi ribassati in quanto vincolate da specifiche convenzioni con le amministrazioni pubbliche. Negli anni sono state rivendute a prezzi di mercato. Il Comune concedeva i nulla osta, il notai firmavano. “Non potevamo fare diversamente” hanno sempre affermato i venditori. "Ci siamo mossi in buona fede". (Qui la storia di un venditore). Una sentenza della Cassazione emessa nel settembre del 2015 però ha stabilito che quelle compravendite avrebbero dovuto rispettare il prezzo vincolato. Così migliaia di persone si sono ritrovate con case acquistate sul mercato il cui valore reale era ben inferiore a quanto versato. Un introito ‘indebito’ per il Tribunale che in primo grado ha condannato diversi venditori a restituire la differenza di prezzo per un ammontare che in molti casi sfora i 200 mila euro. 

Nel dicembre del 2019, con un emendamento in Senato proposto dal Movimento cinque stelle, il governo gialloverde ha introdotto delle modifiche normative che permettono anche a chi non è più proprietario di questi immobili, quindi anche ai venditori coinvolti nelle cause, di versare quanto dovuto al Comune sancendo l’estinzione di qualunque richiesta di risarcimento. “Così i giudici hanno iniziato a dichiarare l’improcedibilità di cause avviate anche negli anni passati” denuncia Giuseppe Di Piero, dell’Associazione Area 167. “Si tratta di una legge retroattiva e incostituzionale, che viola i principi di ragionevolezza ed uguaglianza e che ci impedisce di agire in tutela dei nostri diritti. Senza considerare che quella legge permette anche a chi non è più proprietario degli alloggi, quindi anche a perfetti sconosciuti, di effettuare un negozio giuridico su un bene non più suo”. 

Le storie di quanti oggi hanno deciso di protestare si ripetono simili tra loro. Andrea ha comprato nel luglio del 2015 al ‘Casilino 23’ e ha pagato “280 mila euro una casa che da valore vincolato ne vale 46 mila” racconta. “Qualche mese dopo mi si era prospettata la possibilità di cambiare città e quando ho provato a metterla in vendita ho scoperto che non valeva nulla. Sapevo che era stata costruita in diritto di superficie e che era legata a convenzioni ma notaio e proprietario, al momento dell’acquisto, mi avevano assicurato che non aveva nessun vincolo”. La decisione di fare causa "non solo al venditore ma anche al notaio e al Comune", spiega “è arrivata dopo il fallimento di qualsiasi mediazione”.  Poi conclude: "Ci hanno accusato di puntare a una, potenziale, speculazione inversa (ottenere differenze da centinaia di migliaia di euro e affrancare con qualche decina, ndr). Ma perché sanare chi la speculazione l'ha già effettuata?".

Giovanni ha acquistato casa per suo figlio in zona Casal Boccone: “Attico e superattico a 550 mila euro. La casa ne vale 198 mila. Per affrancarla ne servono 42 mila. Ho tentato più volte la mediazione: avevo chiesto 95 mila euro complessivi a notaio ed ex proprietario” precisa. “Perché i danni subiti non si fermano al valore dell’immobile. Mio figlio si è trasferito all’estero e io da oltre 3 anni non posso né vendere né affittare, a meno che non sia disposto a rimetterci tutti questi soldi. Cosa potevo fare se non chiedere che mi venisse restituita la differenza?”. 

Sono stati in molti a ripeterlo: “Non chiediamo la restituzione di tutto l’indebito ma vogliamo che la legge riconosca i danni che abbiamo subito. C’è chi non può rivendere, chi sta versando un mutuo su una casa il cui valore è crollato”. Quanto sta accadendo in questi mesi, per gli ‘acquirenti’ delle case dei piani di zona, sta invece andando nella direzione opposta: “I giudici, in seguito alle modifiche di legge di dicembre, hanno iniziato a dichiarare l’improcedibilità dei ricorsi anche sulla base della presentazione la domanda di affrancazione, senza attendere la conclusione dell’iter” spiega ancora Stella Teodonio. “Qualora questa poi non venga pagata saremo costretti ad avviare una nuova causa con tempi che si allungano e nuove spese legali”. 

In piazza Yuri Trombetti, responsabile casa del Pd di Roma, annuncia: “Il Pd sta lavorando a livello parlamentare e insieme alle associazioni per superare questa legge che non è altro che un’ennesima sanatoria che colpisce chi ha acquistato abitazioni nei piani di zona” spiega. Anche se l'emendamento in Senato ha ricevuto il voto favorevole anche di parte dei parlamentari dem.

I compratori sono pronti a dare battaglia: “Oltre alle nostre chiavi oggi depositeremo una lettera aperta al presidente del Tribunale”. Non solo. “Chiederemo al Comune di applicare le sanzioni previste nelle convenzioni per la violazione dell’applicazione del prezzo massimo di cessione” conclude Di Piero. “Ci sono comuni che si stanno muovendo in questo senso, anche il Tar del Lazio ha confermato in due diverse sentenze emesse tra la fine del 2018 e il 2019 questa impostazione. Faremo un esposto al Comune e chiederemo alla Corte dei Conti di vigilare”.

La protesta davanti al Tribunale

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

A supportare le rivendicazioni degli acquirenti anche il consigliere regionale della Lega, Daniele Giannini, che nei giorni scorsi ha presentato alla Pisana un'interrogazione per chiedere che vengano restituiti, a regione e comune, i benefici di cui i primi assegnatari hanno goduto nel caso di cessione dell'immobile. "Questa vicenda - ha dichiarato Giannini - è stata sottovalutata. Ora deve essere trovata una soluzione che sia giusta ed equa anche per gli acquirenti e non solo per i venditori".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Sono d'accordo con Mario. Se uno vuole che il proprio immobile possa essere rivenduto a prezzo di mercato, dovrebbe essere ben contento che il venditore si dichiari disponibile a togliere il vincolo pagando l'affrancazione. Poi, tutti insieme, si dovrebbe fare causa contro notai e Comune che hanno permesso queste vendite da parte di chi ha comprato dalle imprese edili. E non togliendo improvvisamente i soldi a chi ha venduto in buona fede (i notai che ci stanno a fare?), ma chiedendo un risarcimento dei danni e magari l'intero importo dell'Affrancazione, visto che sono soldi che vanno a ingrassare inutilmente le casse comunali, ossia dell'ente che non ha fatto rispettare le sue stesse regole.

  • Gentile Ylenia Sina, perchè non chiede al Signor Andrea citato nell'articolo come mai non le ha riferito che lui stesso ha venduto una casa nella stessa zona con prezzo massimo di cessione omettendo al suo acquirente che c'era questo vincolo ? Questa è l'ennesima dimostrazione che questi signori sono arrabbiati perchè hanno perso la possibilità di lucrare alle spalle di persone che hanno venduto la casa nella maggior parte dei casi per ricomprarne un'altra. Basta con la storiella che le case non valgono più niente, è vergognoso solo affermarlo, basta pagare l'affrancazione e si può vendere al prezzo che si vuole. La legge consente di recuperare l'affrancazione dal vecchio proprietario, quindi non c'è danno. Questi speculatori stanno cercando di addossare ai venditori in buona fede l'andamento altalenante del mercato immobiliare. Cari miei fatevene una ragione, è finita la pacchia !

    • Tutto Giusto, tranne che i venditori erano in buona fede... Piaceva vendere a prezzo alto..

      • Perdonami Rocco, l'acquirente: 1) era a conoscenza del vincolo/convenzione in quanto presente sull'atto. Quindi era a conoscenza che quell'immobile non poteva (e non doveva) essere venduto a prezzo di mercato. Ma siccome era una consuetudine il rischio era calcolato (e conosciuto) da entrambe le parti (acquirente e venditore). 2) Inoltre il notaio è sicuramente dell'acquirente e non del venditore. E se ha fatto bene il suo mestiere doveva mettere in guardia l'acquirente che stava acquistando un immobile ad un prezzo non previsto e che un domani avrebbe rappresentato un problema per l'acquirente, tenuto conto del fatto che tutte queste informazioni (vincoli/convenzioni/obblighi) sarebbero state presenti nell'atto e accettate completamente dall'acquirente. Se il Notaio non ha fatto il suo dovere, e non ha informato correttamente l'acquirente di tutti questi vincoli (a suo carico) il problema non può (e non deve) essere del venditore. 3) In molti casi se l'acquirente chiedeva un mutuo, la banca NON poteva rilasciarglielo per i motivi di cui sopra. Qui entrava in gioco il comune che rilasciava i famosi nulla osta; nulla osta che venivano suggeriti dagli stessi notai (dell'acquirente) per far si che l'atto si potesse fare (una sorta di scappatoia). Riassumendo, l'acquirente era a conoscenza di tutto e di conseguenza non c'era bisogno della famosa sentenza di cassazione a sezioni unite per ricordargli che aveva acquistato un immobile ad un prezzo superiore rispetto a quello previsto da convenzione. Ora la legge impone al precedente venditore di risolvere il problema pagando l'affrancazione, permettendo all'acquirente attuale di vendere ANCHE LUI a prezzo libero di mercato. Quindi la domanda è: dove sta il problema??

      • Ti sbagli, ci sono centinaia di lettere protocollate dal comune che testualmente “dichiara l’assenza di vincoli relativamente al prezzo massimo di cessione” Lettere a disposizione di chiunque volesse controllare, sono documenti ufficiali richiedibili al protocollo del IX dipartimento in via civiltà del lavoro. Quindi se il venditore voleva vendere, chiede al comune il parere, il comune risponde che non ci sono vincoli, che colpa ne ha il venditore. Ripeto, questi signori sono speculatori.

    • Esatto

  • Condivido CYCOM

  • Da parte di Anna (venditrice del figlio del sig. giovanni: Il Sig Giovanni non ha acquistato l’immobile ma il figlio, altrimenti non avrebbe avuto i requisiti soggettivi per acquistare su piano di zona le cui condizioni conoscevano molto bene avendo già posseduto un immobile in altro PDZ. Sono 3 anni che non può vendere poiché prima dei 5 anni c’è il vincolo imposto dalle convenzioni e loro hanno acquistato nel 2015! Il figlio lavora sereno all’estero mentre il padre, avido di denaro, intende pagare a Roma un Attico e Superattico + posto auto e 45mq di box solo 198.000 totali e averne quindi indietro più di 350.000!!! Dicono che la casa non vale più nulla ma la vicina, dopo aver affrancato, sta vendendo lo stesso appartamento (attico e superattico) a 670.000€ L’affrancazione con la nuova delibera è pari a 23.000€ e non 42.000 ma loro ne vogliono 95.000 perché sono benefattori!! Con la loro letterina in cui chiedevano 378.000€ di indebito + danni + i costi di ristrutturazione (ristrutturazione a gusto personale e non perché l’immobile ne necessitasse) - in pratica, il Sig. Giovanni vorrebbe la casa gratis!!) mia madre ha avuto un malore... Mia mamma, dopo la prima udienza è stata nuovamente male ed è mancata prima di Natale per un arresto cardiaco. Ringrazio anche il Sig. Giovanni per quanto accaduto a mia madre e che Dio possa perdonarlo. (Io non potrò mai farlo!!) Anna

  • Tenetevi il governo che meritate, cari pecoroni italiani.

    • perchè te do stai in Indocina?

    • Perché ovviamente tu hai letto l'articolo e hai capito di cosa si sta parlando vero? Che il governo ha messo una pezza ai danni fatti da chi non si è mai preso una RESPONSABILITÀ e per fare tutti contenti ha continuato con gli imbrogli? Che questi che ora protestano lo fanno solo perché il mercato immobiliare è sceso e vorrebbero specularci un po' mandando avanti le cause di risarcimento? Giusto? Chi è il pecorone?

      • Esatto

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Via Collatina vecchia il giorno dopo l'incendio brucia ancora. Della Casa: "Atto criminale, pene severe"

  • Cronaca

    Incendio via Collatina vecchia, a febbraio lo sgombero poi l'area è finita abbandonata senza bonifica

  • Politica

    Via Collatina vecchia e l'abbandono prima dell'incendio: chiesti chiarimenti ad Ama per la mancata bonifica

  • Politica

    Salva-Roma, Lemmetti: "Senza interventi in parlamento, il bilancio rischia il crollo"

I più letti della settimana

  • È morto Massimo Marino, personaggio cult delle notti romane

  • Perde controllo dell'auto e si ribalta in una cunetta, tre feriti. Due sono gravi

  • 25 aprile a Roma: strade chiuse e bus deviati per il giorno della Liberazione

  • Marco Vannini, l'omicidio del giovane di Ladispoli in uno speciale de Le Iene. On line c'è chi rimorchia con la sua foto

  • Miracolo al binario 14: infarto dopo corsa per prendere il treno, 33enne salvato a Termini

  • Valmontone: scontro auto-moto, due feriti. Una è la moglie di Cerci

Torna su
RomaToday è in caricamento