Atac, depositi bloccati e picchetti: cresce la protesta dei lavoratori della manutenzione

Questa mattina i dipendenti Corpa hanno bloccato con una protesta "spontanea e slegata dai sindacati" l'attività nei depositi. Poi un presidio davanti all'assessorato: lunedì l'incontro con Meleo

La protesta davanti ad Atac (Foto Facebook Unione sindacale di base)

Depositi bloccati e una protesta sotto le finestre dell'assessorato di Linda Meleo. Dopo il sit-in di ieri davanti alla sede Atac di via Prenestina, non si arresta la mobilitazione dei dipendenti della Corpa, l'azienda che si occupa della manutenzione e del recupero dei mezzi che restano fermi per le strade della città, "contro i continui ritardi nel versamento degli stipendi". Da questa mattina all'alba è scattata una protesta, "spontanea e slegata dai sindacati" che ha dato vita a un "vero e proprio blocco delle attività". In mattinata, inoltre, una quarantina di lavoratori si è radunato davanti all'assessorato di via Capitan Bavastro per chiedere di incontrare l'assessore. 

Al termine di un incontro con la segreteria di Linda Meleo, l'appuntamento tra la diretta interessata e i lavoratori è stato fissato per lunedì alle 11.30. "Abbiamo spiegato tutte le difficoltà che stiamo vivendo a causa di questi ritardi e i nostri interlocutori hanno preso atto della situazione" spiega Attilio La Mura, referente sindacale Usb Lavoro Privato. "Chiediamo che Atac si assuma le proprie responsabilità e provveda a risolvere la questione pagando direttamente i lavoratori". La promessa dell'incontro con l'assessore non ha placato gli animi. Il blocchi spontanei, fanno sapere i lavori, continueranno a oltranza. L'Unione sindacale di base ha chiesto l'intervento della Prefettura.  

Il problema denunciato a più riprese dall'azienda Corpa riguarda i ritardi e la parzialità dei versamenti Atac, rispetto a quanto previsto. Presto, però, la situazione potrebbe sbloccarsi. Secondo fonti qualificate vicine all'azienda, ieri si è tenuto un lungo incontro tra la municipalizzata capitolina e la Corpa in merito. La prossima settimana dovrebbe aprirsi un tavolo di lavoro con i vertici di entrambe le società che mira a una risoluzione delle problematiche. In particolare Atac dovrebbe versare tre mesi di pagamenti arretrati. 

Nel tardo pomeriggio, Usb ha spiegato in una nota: "I 140 dipendenti dell'azienda Corpa, alla quale Atac ha affidato il servizio di manutenzione dei mezzi, hanno bloccato il servizio ormai esasperati dalla mancata retribuzione. Solo ieri c'era stata l'ennesima riunione con i vertici di Atac senza risposte concrete e stamattina il presidio organizzato presso l'assessorato del Comune alla mobilità si è concluso senza esito. Il rimpallo delle responsabilità tra l'azienda Corpa, l'Atac e il Comune è il gioco al quale i lavoratori di Corpa non vogliono più sottostare. Oggi hanno stabilito che finché non riceveranno le retribuzioni del lavoro già effettuato (gli stipendi di dicembre e gennaio) non riprenderanno il servizio. Sono consapevoli della ricaduta che questo comporta per tutta la cittadinanza, ma sono stanchi di vedere calpestati sistematicamente i loro diritti più elementari. L'USB ha già informato la Prefettura della gravità della situazione, con la speranza che eserciti la sua autorità nei confronti di aziende che non rispettano gli adempimenti contrattuali". 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

Torna su
RomaToday è in caricamento