menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Primarie Pd Lazio, corsa a tre per la poltrona di segretario: ma la sfida è tra renziani

La consultazione locale cade in un giorno cruciale per la politica nazionale. E la nomina di Renzi a Palazzo Chigi potrebbe avere ripercussioni sul Campidoglio

Urne aperte da questa mattina alle 8 per la scelta del nuovo segretario regionale del Partito democratico. A contendersi la poltrona lasciata libera dal deputato Enrico Gasbarra l’ex presidente della Provincia di Rieti, il deputato Fabio Melilli, la deputata Lorenza Bonaccorsi, entrambi renziani, e il consigliere del comune di Albano Laziale Marco Guglielmo di area civatiana. Una consultazione locale che cade però in un giorno cruciale per la politica nazionale con la crisi del governo Letta e l’attesa per la nomina da parte del Colle del nuovo premier a Palazzo Chigi.

E la politica romana non potrà rimanere ‘cosa a parte’. Non solo per le primarie e l’influenza che la complicata situazione nazionale può avere su iscritti e simpatizzanti chiamati a esprimere il proprio voto, con il rischio di un flop di partecipazione, ma anche per la cima del Campidoglio dove la nomina di Matteo Renzi a Presidente del Consiglio potrebbe far sentire i suoi effetti. Primarie da una parte, equilibri nazionali dall’altra, in gioco c’è il complicato, e non proprio sereno, rapporto tra il sindaco della Capitale e il principale partito di maggioranza. 

Da una parte le preoccupazioni di Marino che, di fronte a un cambio di guardia a Palazzo Chigi, ha ricordato l’importanza di “alcune scadenze” legate a doppio filo con Governo con cui serve “un lavoro sinergico”. Gli occhi di Marino sono puntati sul decreto Salva-Roma grazie al quale è stato chiuso il bilancio 2013 della Capitale che va approvato entro la fine di febbraio. Dall’altra a palazzo Senatorio con l’arrivo di Matteo Renzi c’è già chi parla di possibile rimpasto per la giunta Marino. L’ipotesi più accreditata negli ultimi giorni è l’entrata in giunta del sottosegretario Giovanni Legnini, che potrebbe prendere il posto dell’assessore al Bilancio Daniela Morgante, con cui i rapporti nelle ultime settimane si sono raffreddati. 

LE INTERVISTE AI CANDIDATI

VIDEO/1 - GUGLIELMO: "I cittadini vano coinvolti"

VIDEO/2 - BONACCORSI: "Servono energie nuove"

VIDEO/3 - MELILLI: "C'è un partito da costruire"

Anche la partita delle primarie sembra essere un affare tra 'renziani' con Marco Guglielmo a fare da ‘alternativa’ di area civatiana. La deputata Lorenza Bonaccorsi, “renziana della prima ora”, vicino al sindaco di Firenze fin dal debutto della Leopolda è sostenuta da un altro rottamatore di ferro, l’ex ministro Paolo Gentiloni. "Dopo il voto dell'8 dicembre che ha proclamato Matteo Renzi segretario del Partito Democratico anche il Pd Lazio deve raccogliere quell'istanza di  cambiamento e calarla nella realtà della nostra regione" ha spiegato la deputata in una nota. E poi c’è Fabio Melilli che nelle ultime ore ha ricevuto l’appoggio di un’ampia fetta di partito. Vicino all’Areadem di Franceschini, l’ex presidente della provincia di Rieti ha ricevuto l’appoggio di oltre cento consiglieri comunali e regionali che hanno firmato un documento in suo sostegno ma anche del neo segretario del partito romano, Lionello Cosentino, del governatore del Lazio Nicola Zingaretti nonché della 'mente' del partito romano, Goffredo Bettini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento