Casa, movimenti e sindacati in presidio alla Pisana per la legge di Stabilità: "Ci aspettiamo misure"

Domani mattina la manovra economica approda in Consiglio per l'avvio della discussione

Non sarà esente da proteste l'avvio della discussione della legge di Stabilità della Regione Lazio che scatterà domani alla Pisana. A partire da domani, giovedì 19 dicembre, mattina alle 11 i movimenti per il diritto all'abitare e i sindacati degli inquilini Asia Usb e Unione Inquilini hanno indetto un presidio permanente fuori dalla sede del consigliore regionale chiedendo di inserire nella manovra economica strumenti legislativi in merito alle politiche abitative.

"Ci aspettiamo immediatamente, nella legge di Stabilità in via di approvazione, fatti tangibili che dimostrino che si sta cambiando rotta", si legge in una nota. "Ci aspettiamo misure sostanziate da risorse e tempi certi". 
Il quadro in cui si inserisce la protesta è quello del piano sgomberi al tavolo della Prefettura. Anche se il cronoprogramma è stato rallentato con il cambio di governo, il lavoro per 'svuotare' gli immobili occupati prosegue. In cime alla lista ci sono gli ex uffici di viale del Caravaggio, a Tor Marancia, dove vivono circa 120 famiglie per un totale di oltre 300 persone. Negli ultimi mesi si sono susseguiti molti incontri con l'obiettivo di stilare un piano di alternative per le persone che oggi ci vivono. Ma le soluzioni non sono ancora state trovate e il timore è che in assenza di un piano da parte di Comune e Regione per svuotare l'immobile si proceda con un'operazione delle forze dell'ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo assistito a un balletto indecente intorno alla delibera sull'emergenza abitativa del 2014 e visto gli sgomberi di piazza Indipendenza, di Cinecittà, di via Scorticabove, di via Costi, di via Cardinal Capranica. Per non parlare degli sgomberi delle case popolari e del disastro dei piani di zona e del famigerato housing sociale", si legge ancora nella nota. "Non sappiamo che fine hanno fatto i soldi dell'ex Gescal e quelli derivanti dalla vendita delle case popolari. Interi edifici Erp lasciati senza riscaldamenti. Di fronte a tutto ciò da cosa fa la Regione Lazio?". 
Al momento nella legge di Stabilità non c'è alcun riferimento alla questione abitativa anche se per presentare emendamenti c'è tempo fino a domani alle 12.  "Chiediamo un incontro con i capigruppo nella giornata di domani, per proseguire un confronto iniziato positivamente in sede di Commissione casa e rafforzato dal passaggio con Zingaretti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Coronavirus, a Roma 12 nuovi casi: sono 38 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 agosto

  • In fila alle Poste mostra i genitali all'impiegata: "Ora ti faccio vedere io il documento"

  • Il padre provava a venderlo in spiaggia, la mamma lo porta via dall'ospedale senza autorizzazione

  • Coronavirus: a Roma 31 nuovi casi, altri sette nel resto della regione Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento