Mercoledì, 22 Settembre 2021
Politica

Presentata ufficialmente Roma Futura, l'annuncio di Giovanni Caudo: "Sarò capolista al comune"

Pronti tre incontri a settembre sulle tre parole d'ordine e subito un tavolo con le associazioni. Marta Bonafoni: "Saremo la sorpresa"

"Benvenuti in tempi interessanti", scandisce Giovanni Caudo, presidente del III Municipio e candidato capolista per Roma Futura, la civica "ecologista, femminista ed egualitaria" che si è presentata il 23 luglio all'ombra del Castel Sant'Angelo a Roma: logo rosa che richiama i colori della campagna di Caudo con una elaborazione grafica a partire dalla piazza del Campidoglio. La frase, noto proverbio cinese, è d'uso comune nel pensiero dell'urbanista-minisindaco che,  nell'annunciare il nome e il logo del nuovo raggruppamento a sostegno di Roberto Gualtieri, dà la notizia: "Sarò candidato capolista al comune". 

Presenti al tavolo Marta Bonafoni, consigliera regionale e portavoce di POP - l'associazione della sinistra civica che ha aderito al progetto di Caudo; Annalisa Corrado di Green Italia, colonna ambientalista della proposta caudiana, la rappresentanza di Possibile Roma e di Volt Roma, entrambi movimenti che hanno sostenuto il professore fin dalle primarie che l'hanno visto arrivare secondo classificato con il 15% dietro all'ex titolare del MEF.

"Roma futura è una postura, è un modo per stare dentro la città. Coltiviamo una visione per la città di Roma coniugando lo sguardo del "come se fosse" con quello della realtà. L’idea è creare reti politiche stando dentro alle cose, collegando il locale al globale: l'Europa delle città, da Berlino, a Barcellona, a Milano, è l'altra Europa, alternativa a quella del patto di Stabilità. In particolare ci concentreremo su tre questioni chiave: un nuovo modello economico, le politiche sociali e la questione ecologica. Su questi temi abbiamo previsto eventi ad hoc con i quali faremo richieste puntuali al candidato sindaco Gualtieri, che sarà presente, perché siano presi impegni precisi. L’obiettivo è incidere sul futuro di questa città, non essere solo una delle parti in causa". 

Marta Bonafoni ha detto: "Roma Futura è ossigeno, l'aria che entra senza porte e finestre e sarà la sorpresa della corsa al Comune. Questa città non va liberata, va restituita alla sua bellezza, alle sue cittadine e ai suoi cittadini, alle sue energie sociali. Roma Futura sarà la lista che terrà insieme una visione di città con la felicità possibile di chi la città la vive e la attraversa: i nuovi cittadini, transitanti, migranti, i senza dimora ai quali dobbiamo dare un tetto, le donne che dovranno girare in città sicure non perché ci sono le telecamere, ma perché la vita di questa città le accoglie nel suo flusso vitale. Tutto questo sposando il tema della lotta ai cambiamenti climatici". A proposito di questo, la parola va ad Annalisa Corrado di Green Italia: "Il cambiamento climatico sta accadendo oggi. Avete visto quel che sta succedendo in Germania, in Cina, con le alluvioni? Noi dobbiamo ripensare questa città per difenderci dagli eventi meteorologici estremi che sono già tra di noi. Roma va in tilt per un po’ di pioggia, stiamo parlando di oggi. La lotta per la tutela dell’ambiente non è quel ‘ricordati che devi morire’ che spesso sentiamo, ma ‘pensa a quanto potresti vivere meglio’ senza respirare l’aria inquinata della nostra città e perdere ore imbottigliato nel traffico".

Ruggero Scotti di Possibile torna al Partito Comunista: "La grande intuizione di quella forza politica fu quella di essere di lotta e di governo e per me è questa Roma Futura. Vogliamo una città che vuole ascoltare e tutelare le persone, che vuole dare casa, perché avere una casa è forse il primo diritto e può evitare che si ripetano le 15 vergognose morti di freddo dei senza tetto che abbiamo contato l’inverno scorso". Parola anche ai ragazzi del partito pan-europeo Volt, con Paolo Leccese: "‘Ecologista’, ‘Egualitaria’, ‘Femminista’ sono le tre parole fondamentali inserite nel simbolo della nostra lista. Sono parole che impongono scelte coraggiose per questa città in cui vogliamo che a tutti e tutte siano offerte le stesse possibilità. Investire sull’Europa è un’opportunità straordinaria che intendiamo cogliere appieno. Ecologia e tutela della biodiversità romana, ma anche accessibilità ai mezzi pubblici e sicurezza". 

Tre eventi sui tre temi, dunque, in programma a settembre; e un primo appuntamento già nella giornata del 23 luglio, con un incontro a porte chiuse con i rappresentanti della solidarietà. Alcuni nomi dei soggetti che si muovono nell'orbita Caudo vengono fatti in conferenza stampa: sono i mondi "della solidarietà diffusa", i gruppi di volontari che si sono adoperati per garantire pacchi alimentari durante i giorni del Coronavirus. Realtà come la Rete dei Numeri Pari, realtà del volontariato come Nonna Roma e il gruppo che gravita intorno al circolo Sparwasser saranno in dialogo con l'urbanista-minisindaco. Citata anche Claudia Pratelli, assessora alla scuola del III Municipio, presente alla conferenza e probabile nome femminile per il ticket con Caudo nella sua corsa al comune. Altri ne arriveranno: a microfoni spenti viene confermato che l'accoppiata di Pop è in corso di elaborazione e anche il gruppo di Possibile presenterà un nome nella lista. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentata ufficialmente Roma Futura, l'annuncio di Giovanni Caudo: "Sarò capolista al comune"

RomaToday è in caricamento