Politica

Romeo e le polizze: la nuova tempesta che agita Raggi e il MoVimento romano

La vicenda rientra nell'indagine sulle nomine perché i magistrati vogliono capire se c'è un legame tra la promozione di Romeo e queste polizze

"Romeo ha intestato una polizza da 30.000 euro a Virginia Raggi". A lanciare la notizia in contemporanea sono L'Espresso e Il Fatto Quotidiano. La sindaca è appena entrata dai giudici per essere interrogata e la notizia squarcia l'attesa. "Sarà oggetto dell'interrogatorio" raccontano i due quotidiani. I tempi di uscita della notizia non appaiono casuali. Celata sino all'ultimo, ha spiazzato la stessa sindaca che al termine delle otto ore si dirà "sconvolta". Un argomento a sorpresa che scombussola giorni di training sulla nomina di Renato Marra che, magicamente, passa in seconda piano. 

Una nuova tempesta che, a interrogatorio ancora in corso, infiamma i telefoni tra Roma e Genova. "Possibile non ne sapesse nulla?" "Come uno Scajola qualsiasi...". Grillo e Casaleggio rimettono indietro gli orologi e Raggi torna sulla graticola. Sarà una sua telefonata, in una pausa dell'interrogatorio, a riportare il sereno: "Non ne sapevo nulla". Tanti sono però i passaggi da chiarire in una vicenda che rischia di travolgere l'intero Movimento romano. 

Sì perché le iniziative finanziarie del dipendente comunale non si limitano al regalo alla sindaca. L'ex capo segreteria infatti avrebbe investito circa 100 mila euro su una decina di polizze vita: tra i beneficiari, oltre a parenti, anche attivisti M5s. A quanto si apprende c'è la sindaca Raggi, c'è un attivista del VII municipio e c'è Alessandra Bonaccorsi ex consigliera del MoVimento Cinque Stelle in VIII municipio. La stessa, interpellata da RomaToday, racconta: "Sapevo della polizza, è stato lui stesso ad annuciarmela. Noi siamo stati insieme per 14 mesi, fino all'agosto 2014. Il nostro rapporto non ha niente a che vedere con la passione per il Movimento che abbiamo poi scoperto avere in Comune". Diecimila euro: a tanto ammonta la polizza intestata alla Bonaccorsi la quale non riesce a darsi spiegazione del "regalo" alla Raggi. 

La vicenda rientra nell'indagine sulle nomine perché i magistrati vogliono capire se c'è un legame tra la promozione di Romeo e queste polizze. Si vuole capire se le somme fossero veramente di Romeo o di altri e se i destinatari siano casuali o rispondano ad un preciso progetto. Questo progetto, è tra le ipotesi ancora tutte da verificare, potrebbe essere il far vincere le comunarie alla candidata Raggi.

Un'ipotesi che si lega ai veleni venuti fuori negli ultimi giorni e relativi al dossieraggio contro De Vito, anche questo oggetto di inchiesta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Romeo e le polizze: la nuova tempesta che agita Raggi e il MoVimento romano

RomaToday è in caricamento