Eur: ad ottobre riapre il Planetario, ma il plastico del Museo della Civiltà Romana resta chiuso

La Sovrintendenza ha fissato i termini per la progressiva riapertura del museo dell’Eur. Per visitare il plastico della Roma Imperiale bisognerà attendere il 2021

Il Planetario riapre i battenti. Ma per il Museo della Civiltà Romana e per il plastico della Roma Imperiale che vi è custodito, ci sarà ancora da attendere. Impensabile che sia messo a disposizione del pubblico prima del 2021.

I nuovi lavori

La Sovrintendenza, nell’ultima seduta dalla Commissione Cultura di Roma Capitale, ha fissato il cronoprogramma ed i costi per restituire ai cittadini un polo  museale chiuso da sei anni. Dal 2014 non vengono più staccati i biglietti all’ingresso del Planetario e del Museo della Civiltà Romana. “Forti lesioni strutturali”, è stato ricordato durante la commissione, hanno comportato infiltrazioni d’acqua che hanno messo a repentaglio struttura e opere. Per risolvere definitivamente questi problemi, l’architetto progettista della Sovrintendenza ai Beni culturali di Roma Capitale, ha stimato servano 9,8 milioni di euro.

I fondi da recuperare

In attesa che le risorse vengano destinate agli interventi strutturali, è comunque possibile riaprire il Planetario. La prima tranche di lavori, del valore di circa 700mila euro, sono stati completati. E si attende il collaudo. Poi, nella primavera del 2021, potrebbe arrivare anche la riapertura anche del celebre plastico. Il condizionale è d’obbligo perché  in questo caso i soldi non ci sono ancora ed occorre approvare una variazione di bilancio, “per lo stanziamento dei fondi per i lavori, che saranno significativi perché è dal 1955 che il museo non viene sottoposto alla manutenzione straordinaria” ha ricordato il vicesindaco Luca Bergamo. I fondi però vanno prima individuati, poi va votata questa variazione, quindi bisogna procedere con una gara. I tempi non sono brevi.

Il cronoprogramma 

“Se riusciamo a portare in approvazione della Giunta il progetto entro aprile o maggio- ha stimato la sovrintendente Maria Vittoria Marini Clarelli -  nella prima variazione di bilancio faremo la richiesta dei fondi e se verrà approvata procederemo con la gara subito dopo l'estate”. Tanti “se” che non contribuiscono certo a rasserenare i cittadini che, da anni, chiedono di poter tornare a visitare il polo museale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le proteste

 “La città  sconta 6 anni di ritardo, sono 72 mesi, ci stiamo facendo vecchi" hanno dichiarato i cittadini presenti alla commissione, che hanno protestato segnalando che “è assurdo aprire il Planetario e non il Museo”. E' soprattutto per merito di questi abitanti che, a distanza di tanto tempo, i riflettori sul museo non si sono spenti. A breve potranno tornare a visitare il Planetario. Il bicchiere, però, è pieno solo a metà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento