Pittori di strada: via libera in tutti i municipi ma con "prova d'autore"

Ieri la proposta di delibera è stata licenziata dalla commissione congiunta Cultura e Commercio. Le novità: postazioni in tutto il territorio ma solo dopo aver superato il giudizio di critici d'arte

Immagine archivio

Pittori di strada e caricaturisti in tutti i municipi, non solo nel centro storico, con un nuovo regolamento e delle "prove d'autore" per selezionarne la professionalità. E' la novità contenuta nella proposta di delibera licenziata ieri dalla commissione comunale congiunta Cultura e Commercio. Una bozza che dovrà passare al vaglio dei pareri dei municipi e poi approdare in Aula. 

Fino a oggi ha spiegato il presidente della commissione Commercio, Andrea Coia (M5S), "il regolamento su pittori, ritrattisti e caricaturisti c'era solo in I Municipio, noi invece abbiamo pensato di allargarlo a tutti i Municipi dando agli stessi la possibilità di identificare le aree dove valorizzare queste attività. L'idea è quella di fare centralmente un unico bando con una prova d'artista: in questo modo si valorizzano i veri pittori, quindi non come prima quando l'anzianità pesava di più della bravura". Nel nuovo regolamento, infatti, "la parte preponderante sarà la prova d'autore: bisognerà prendere una valutazione di almeno 6 su 10 per andare avanti nella selezione, con una commissione presieduta da un critico d'arte che esaminerà gli artisti nell'esecuzione".

Tutto questo, ha spiegato ancora Coia, "perchè finora abbiamo ricevuto moltissime denunce di persone che vedevano esercitare non pittori ma semplici venditori di poster. Con questa delibera vogliamo porre rimedio al problema e valorizzare i veri pittori, da piazza Navona all'intero primo Municipio fino a tutte le altre aree, come la rotonda di Ostia". Per quanto riguarda l'iter della proposta "ora i Municipi hanno 9 mesi per identificare le aree e produrre le loro osservazioni, esprimeranno un parere e poi valuteremo se riconvocare la commissione o portare la delibera direttamente in Assemblea capitolina".

Dure le critiche da parte del I municipio a maggioranza dem. "Ci siamo già formalmente espressi sulla proposta del Partito Democratico, che poteva essere la base condivisa per un buon lavoro" dichiara la consigliera Sara Lilli, "mentre invece non abbiamo mai visto il testo votato oggi nelle commissioni cultura e commercio. Non ci serve un'audizione a posteriori, come promesso in commissione oggi, se la Sindaca e il Movimento credono che I municipi siano solo zavorra lo dicessero apertamente, perché se non possiamo nemmeno indicare le strade e le piazze idonee all'arte di strada vediamo assolutamente svilito il nostro ruolo". 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento