Domenica, 25 Luglio 2021
Politica Ponte Sublicio

Ponte Sublicio, la Regione al Comune: "Ritardo dei lavori non dipende da noi"

Continua il braccio di ferro istituzionale sul crollo del muraglione e relativo intervento di restauro. Ai toni polemici dei Cinque Stelle, la Pisana risponde: "Tesi del Comune è infondata"

Il crollo del muraglione

"Abbiamo avviato correttamente il nostro intervento di somma urgenza a poche ore dall'evento, nel luglio dello scorso anno". Su ponte Sublicio la Regione Lazio torna a difendere il suo operato, tenendo vivo lo scontro con il Comune di Roma. I lavori di restauro del muraglione crollato lo scorso luglio, con interdizione della pista ciclabile, non sono ancora partiti. Se tutto va bene il cantiere dovrebbe andare tutto a dama entro l'estate, ma intanto prosegue il braccio di ferro istituzionale.  

"Agli amministratori del Comune di Roma che continuano a sostenere una tesi infondata, è corretto spiegare che gli atti amministrativi parlano, e dicono che, nel caso del crollo del muraglione d'argine in prossimità del Ponte Sublicio, la Regione Lazio ha avviato correttamente il proprio intervento di somma urgenza a poche ore dall'evento, nel luglio dello scorso anno". 

La nota della Regione, diffusa ieri pomeriggio, è una risposta chiara a quella che viene interpretata come l'ennesima allusione polemica dei Cinque Stelle sui tempi dell'intervento. Nell'ultimo bollettino pubblicato dalla sindaca Raggi si legge: "A sei mesi dal crollo del muraglione di ponte Sublicio, sono finalmente iniziati i lavori". Pochi giorni fa l'assessore Meleo parlava di "pressing" sulla regione Lazio andato avanti per mesi. Uno scarico di responsabilità che alla Pisana non è piaciuto.  

"Tale azione (intervento di somma urgenza, ndr) è stata arrestata dall'immediato stop imposto dalla Sovrintendenza capitolina che ha stimato il manufatto quale opera da tutelare come bene archeologico - si ricorda nella nota - da quel momento, solo in data 15 dicembre 2016 la Sovrintendenza è riuscita a designare i propri consulenti che, dopo alcuni incontri nel mese di gennaio, con gli uffici regionali hanno permesso di proseguire quei lavori di messa in sicurezza che la Regione aveva avviato 6 mesi prima"

E ancora: "Tali lavori sono stati svolti e conclusi nella giornata dell'8 febbraio scorso. Nella prossima settimana, la Regione affiderà un incarico professionale per definire il progetto di recupero da condividere con i consulenti della Sovrintendenza. Si terrà così un bando pubblico per effettuare i lavori, che potranno essere chiusi entro l'inizio dell'estate".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte Sublicio, la Regione al Comune: "Ritardo dei lavori non dipende da noi"

RomaToday è in caricamento