Il piano dal basso avanza lentamente: per la mobilità sostenibile si parte da 6 opere

Presentato il PUMS: è frutto di migliaia d'idee progettuali arrivate dai cittadini. Permetterà di programmare i futuri interventi nella mobilità capitolina

Ciclovie, tramvie, isole ambientali e prolungamenti delle linee metropolitane. L'amministrazione capitolina ha messo insieme tutte le proposte che i cittadini hanno avanzato per migliorare la mobilità. Lo ha fatto predisponendo un Piano della mobilità sostenibile (PUMS) che l'amministrazione vorrebbe sviluppare in uno scenario di medio periodo.

La differenza tra PUMS e PGTU

In una sala gremita di cittadini, le commissioni capitoline Mobilità ed Urbanistica, hanno dedicato due ore al racconto di cosa intendono fare per migliorare gli spostamenti nella Capitale. Meglio, di come intendono mettere a frutto le numerose idee progettuali che, in materia di mobilità sostenibile, i romani hanno fatto pervenire. Prima di tutto è stato definito l'ambito di attuazione. "Rispetto al Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) , che lavora ottimizzando l'esistente con interventi infrastrutturali di minima spesa, il PUMS – ha spiegato il responsabile della segreteria tecnica del Piano, l'ingegner Stefano Brinchi – è  uno strumento che ci permette di definire le infrastrutture per migliorare trasporto pubblico". Lo fa soprattutto prendendo in considerazione un arco temporale compreso tra i cinque ed i dieci anni.

La portata innovativa del PUMS

"Il PUMS è strumento che offre una visione prospettica per la città del futuro. La novità importante – ha sottolineato l'assessora capitolina Linda Meleo - è che è stato creato dai cittadini per i cittadini". Da oltre 4100 proposte si è arrivati ad una scrematura che ha portato, infine, all'individuazione delle dieci idee progettuali più apprezzate. Ed anche questo rappresenta un fattore innovativo perchè "due anni e mezzo fa quando sono entrata in Dipartimento – ha ricordato Meleo –  non ho trovato neppure un progetto nuovo". Ora invece c'è la possibilità di mettere a frutto l'inventiva dei cittadini per crearne almeno una decina che però, nel corso della mattinata, non sono state approfondite.  E poi ci sono le opere invarianti.

La prorità: le sei opere invarianti

Accanto alla presentazione del PUMS infatti "abbiamo accelerato la progettazione di alcune opere" ha ricordato il presidente della Commissione mobilità Enrico Stefàno. Si tratta della Funivia Battistini-Torrevecchia-Casalotti Gra; della Funivia Magliana. Della Tramvia Largo Corrado Ricci- piazza Vittorio Emanuele II e di quelle previste a Tiburtina e Togliatti. Ma anche della linea Termini Tor Vergata. Per queste opere e per la fornitura di cinquanta tram, si punta a chiedere, a strettissimo giro, delle risorse al Ministero dei Trasporti.

Il cronoprogramma

A livello operativo, la strada da percorrere per arrivare alla progettazione delle varie opere è appena iniziata. Per il mese di dicembre è infatti prevista l'approvazione in giunta del "PUMS Volume 1" che prevede la formale richiesta dei fondi al MIT per i progetti invarianti. Poi sarà avviato, nel mese di gennaio, un percorso di partecipazione e sarà redatto un rapporto preliminare sulla Valutazione Ambientale Strategica. A quel punto ci sarà l'approvazione in giunta del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile al completo. La VAS proseguirà fino a luglio e solo allora passerà anche in Assemblea Capitolina, dove sarà possibile inserire eventuali ulteriori modifiche. I tempi non sono brevissimi.

Il compito del PUMS e la modalità operativa

"Sono quasi dieci mesi che sono usciti i dati del PUMS - ha obiettato l'architetto Paolo Arsena, promotore della Metrovia - la nostra proposta, che prevede di ricavare sei nuovi servizi metropolitane dalle ferrovie regionali, è stata la più votata. In che modo intendete procedere con l'approfondimento?". La domanda non è stata peregrina ed ha offerto la possibilità, all'amministrazione, di chiarire sia l'iter procedurale che un concetto di fondo. "Il PUMS più che rappresentare uno schema generale su come possono essere implementati i servizi non può fare. E' un piano, non è un progetto esecutivo dell'implementazione d'un modello di esercizio"ha chiarito l'ingegner Brinchi. Sulla modalità con cui si stanno seguendo le varie idee progettuali "devo ammettere che abbiamo proceduto in maniera un po' casuale - ha spiegato il consigliere Stefàno - ma i primi dieci progetti,dalla metro D al masteplan della ciclabilità,  li abbiamo quasi tutti ascoltati in commissione. Presto lo faremo anche con la Metrovia".  

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

Torna su
RomaToday è in caricamento