Rifiuti, Ama alla Regione: "Indichi gli impianti e Roma sarà pulita"

Così il direttore operativo di Ama, Massimo Bagatti, nel corso di una commissione Ambiente

“Se Roma avesse una destinazione certa dove conferire l’indifferenziato a una tariffa regolata questa città sarebbe pulita ovunque”. Non è mancata una sferzata diretta alla Regione Lazio nelle affermazioni del direttore operativo di Ama, Massimo Bagatti, pronunciate nel pomeriggio di venerdì in commissione Ambiente, alla presenza dell’assessora Pinuccia Montanari. Una commissione richiesta dalle opposizioni per far luce sulla situazione della municipalizzata capitolina e sulle condizioni del servizio e della pulizia della città. 

“Questa condizione (avere una destinazione certa, ndr)” ha spiegato Bagatti “potremmo raggiungerla già utilizzando gli impianti che ci sono in regione”. Poche parole, che vanno dritte nel cuore del braccio di ferro che Virginia Raggi e Nicola Zingaretti stanno portando avanti sugli impianti per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti che dura ormai da mesi. “Roma è l’unica città in Italia a vivere questa situazione” ha spiegato. “Dovremmo andare nelle altre regioni dopo aver saturato la nostra.  Se ci sono impianti che hanno capacità residua bisogna che vengano messi a disposizione. Lo fanno tutte le regioni, non capisco perché la nostra non possa farlo”. 

Roma attende anche gli impianti di proprietà di Ama. Come quelli per il trattamento dell’organico, il cui trattamento oggi costa “160 euro a tonnellata” mentre se la municipalizzata avesse impianti di proprietà il costo per i romani sarebbe praticamente dimezzato: “Si potrebbe fare con 70/80 euro”.

Intanto da Ama si attendono un miglioramento della situazione dei rifiuti per le strade con l’entrata in vigore, “entro una decina di giorni”, della nuova raccolta differenziata delle utenze non domestiche. Si passerà da 23 mila a 85 mila, e sarà basata su un sistema tecnologico volto alla tracciabilità dei materiali raccolti e alla loro quantificazione e definizione. “Contiamo di arrivare ad un 10 per cento in più di raccolta differenziata in un anno”. L’effetto, per Bagatti, sarà percepito anche per le strade in quanto “ad oggi, molti cassonetti si riempiono più velocemente a causa dei conferimenti delle utenze non domestiche”. Per la carta e il cartone, la stima, “si arriva a circa il 50 per cento”. 

Altro dato illustrato è relativo ai mezzi. A dare qualche numero è stato il responsabile della pianificazione strategica di Ama, Franco Carcassi: “Sono già arrivati 31 mezzi con cassone ribaltabile ed entro la fine del 2018 ne arriveranno altri 59. Nel 2019 entreranno 60 mezzi più pesanti, i compattatori con il carico laterale dei cassonetti e nell’ultimo consiglio di amministrazione abbiamo presentato una gara per altri 180 mezzi, 75 dei quali saranno ibridi. Infine abbiamo predisposto documenti per un'altra gara per altri 279 camion più 60 mezzi piccoli, strategici per passare nelle vie dove è più difficoltoso fare manovra”. 

Diverse fotografie di un quadro che non è però stato delineato nella sua interezza. E non solo perché al tavolo della commissione, che si è tenuta al secondo piano del dipartimento di Circonvallazione Ostiense, non era seduto il presidente di Ama, Lorenzo Bagnacani, così come richiesto dalle opposizioni. A mancare è anche il piano industriale. L’ultimo risale al maggio del 2017, e porta la firma della precedente amministratrice unica Antonella Giglio. Ama ha annunciato modifiche fin dai giorni seguenti ma ad oggi il nuovo piano non è ancora pronto. “Ho poche notizie perché è ancora in fase di elaborazione” ha risposto Bagatti. Stesso destino anche per il nuovo contratto di servizio che “dovrà essere approvato entro il 31 dicembre”.  

A rappresentare la situazione restano quindi i numeri della raccolta dei rifiuti. Da un lato la differenziata, che a settembre del 2017 è ferma al 45,3%. Dall’altro l’aumento della produzione di immondizia che nel passaggio dal 2017 al 2018, nel periodo di tempo da gennaio a settembre, è aumentata per una media del 2,7 per cento. “Sono state 1.262.000 tonnellate l'anno scorso e 1.296.000 quest'anno” ha spiegato Bagatti.

Resta l’attesa per il via libera al bilancio 2017 della municipalizzata non ancora approvato dal Campidoglio nonostante la dead-line del 30 settembre. Per verificare la natura di 18 milioni di euro di crediti accumulati dalla municipalizzata dal 2012 al 2018 per una serie di servizi nei cimiteri capitolini, Roma Capitale ha preferito andare incontro a ritardi che le hanno impedito di approvare nei tempi stabiliti il bilancio consolidato dell’ente con conseguente blocco delle assunzioni e per la municipalizzata problemi di natura economica con fornitori e banche. “Fino a ieri si sono susseguiti gli incontri tecnici per risolvere tutti i problemi che riguardano il bilancio. La delibera, di cui sono copromotrice, è in fase di definizione. Sono molto positiva” le parole dell’assessora Montanari. Il 31 ottobre è in programma una nuova assemblea dei soci. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento