Asili e materne: "Liste lunghissime, per il prossimo anno 800 posti in più"

Nuovi nidi pubblici e nidi convenzionati che passano a gestione diretta, il tutto per un un investimento pari a circa 4,5 milioni di euro. Ecco i numeri del piano previsto per il prossimo anno scolastico

Implementare i servizi delle strutture comunali e ridurre le liste d’attesa. E' l’obiettivo del nuovo piano asili nido e scuole dell’infanzia presentato oggi dall'assessore alla scuola, Alessandra Cattoi. Nuovi nidi pubblici e nidi convenzionati che passano a gestione diretta, il tutto per un un investimento pari a circa 4,5 milioni di euro. Ecco i numeri del piano previsto per il 2014/15.

Tre nuovi asili pubblici, in edifici scolastici già esistenti, con 116 posti. Ipotesi di passaggio a gestione diretta di 7 nidi in concessione per un totale di 549 posti di cui 69 nuovi. Cinque nuovi nidi in convenzione, per un totale di 338 posti. Cinque nuove scuole comunali per un totale di 440 nuovi posti. E Una nuova scuola, che passa alla gestione statale, garantendo 100 nuovi posti. 

Nessuna variazione invece per le quote contributive, ferme al 2000 e calcolate in base all'indicatore ISEE. Anche la quota contributiva per il terzo figlio viene calcolata in base all’indicatore ISEE. E’ prevista una riduzione del 30% per chi ha due o più figli nello stesso asilo nido. Le fasce più deboli sono esentate dal pagamento.

"Siamo di fronte ad un servizio di grande qualità, richiesto da tantissime famiglie romane, per cui si sono create delle liste d'attesa molto molto lunghe, che si attestano sui 4000/ 4500 bambini per gli asili nido, e più o meno gli stessi numeri per le scuole dell'infanzia. Ogni anno si cerca di dare delle risposte per andare incontro alle esigenze della famiglie. Partendo da questo presupposto, ci siamo messi a lavorare, tenendo conto delle risorse economiche, ad un piano per l'anno scolastico 2014/2015, che si propone il bilanciamento sia dei posti pubblici che di quelli in convenzione". Questo quanto dichiarato dall'assessore Cattoi.

"Apriremo - ha spiegato l'assessore Cattoi - tre nidi comunali nuovi, in tre municipi diversi, grazie anche ad un contributo economico regionale. Andremo a rimodulare il concetto di concessione, sostituendolo con un altro tipo di gestione, entro le prossime settimane. Abbiamo, poi, delle altre strutture del Comune, ma non rientreranno nidi comunali, ma la gestione verrà affidata a dei privati, come già avviene per altre strutture, abbiamo già più di 200 nidi convenzionati in tutta Roma. In totale parliamo di 665 posti a gestione diretta e 338 posti in convenzione". 

"Noi quest'anno proporremo 800-1.000 posti, ma non andremo comunque a colmare quelle che sono delle richieste molto grandi. Richieste che sono destinate anche ad aumentare, perchè più liberiamo posti e più le famiglie chiedono di iscriversi. Pertanto- conclude Cattoi- è difficile che il servizio riesca comunque ad assecondare tutte le richieste delle famiglie romane". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

Torna su
RomaToday è in caricamento