Piani di zona, basta pignoramenti e case all'asta: approvata la legge che li rende nulli

Il Senato ha approvato una norma, nella legge di Bilancio, che tutela le palazzine costruite del tutto o in parte con finanziamenti pubblici. Asia Usb: "Momento storico"

Un momento di protesta dei piani di zona (Immagine di repertorio)

Niente più procedure esecutive per gli immobili di edilizia residenziale pubblica e agevolata. Il 30 dicembre il Senato ha infatti approvato una norma, inserita nella legge di Bilancio, che tutela le palazzine costruite del tutto o in parte con finanziamenti pubblici  oggetto di pignoramento o messe all’asta per fallimento e liquidazione coatta dei costruttori. A differenza di quanto avvenuto negli anni scorsi, il creditore dovrà ora comunicare la procedura esecutiva al comune dove si trovano gli immobili e all’ente finanziatore, nella maggior parte dei casi le regioni, per permettergli di intervenire e tutelare la finalità sociale degli immobili.

Nel caso di esecuzioni già avviate, il giudice sospende il procedimento esecutivo. Un comma a parte è stato scritto per i pignoramenti avviati su istanza dell’istituto di credito presso il quale è stato acceso il mutuo fondiario. In questo caso il giudice verifica d’ufficio la rispondenza del contratto di mutuo stipulato in base alla legge 457 del 1978 e l’inserimento dell’ente creditore nell’elenco delle banche convenzionate presso il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti. In mancanza di uno dei due requisiti il giudice determina l’immediata improcedibilità. La norma tutela gli immobili sia in fase esecutiva sia in fase concorsuale.

Gli effetti della norma si faranno sentire su centinaia di inquilini dei piani di zona di Roma, i quali, come raccontato con diversi articoli da Romatoday, vivono ormai da anni con la paura di dover lasciare le proprie case perché vendute all’asta o pignorate da una banca. Gli stessi inquilini che, in molti casi, hanno pagato per anni affitti più alti del dovuto o versato i soldi per l’acquisto di appartamenti di cui non sono mai diventati proprietari. 
Per questo motivo, a battersi da tempo per l’introduzione della misura è il sindacato Asia Usb che segue migliaia di inquilini dei piani di zona insieme all’avvocato Vincenzo Perticaro. Relatore della norma è stato invece il deputato di Leu, nonché consigliere comunale, Stefano Fassina.

L’emendamento è stato inoltre il frutto di “un lavoro condiviso con la Regione Lazio”, commenta l’assessore alle Politiche abitative, Massimiliano Valeriani, che aggiunge: “Ora la Regione è pronta a fare la propria parte, intervenendo per rilevare la nullità di tali procedure”.

In una nota, Asia Usb ringrazia anche la consigliera del M5S e presidente della commissione regionale Piani di zona, Roberta Lombardi, e l’assessore all’Urbanistica del Comune di Roma, Luca Montuori, “che in queste ultime settimane ha iniziato le tante agognate procedure di revoca delle concessioni, come previsto dalla legge”.

Commenta il sindacato: “Questo importante risultato farà dormire, da oggi in poi, sonni tranquilli a migliaia di famiglie che già sono vittime della truffa portata avanti da cooperative e ditte costruttrici. L’approvazione di questa norma ci darà più forza per andare avanti con la battaglia per ridare la funzione sociale al patrimonio di edilizia agevolata”.

L'assessore Montuori ha poi commentato: "Da anni purtroppo questa finalità pubblica sembra smarrita e troppo spesso abbiamo dovuto registrare il verificarsi di attività speculative, situazioni illecite, a volte dal profilo criminoso, perpetrate ai danni di cittadini e delle Amministrazioni coinvolte. Finalmente, grazie all'attività incessante delle commissioni comunali e regionali, grazie alla emanazione di norme specifiche a seguito dei lavori alla Camera e al Senato, grazie alla risolutezza e al supporto delle strutture sindacali (Asia Usb) che da anni denunciano questa terribile situazione portando le lotte dei cittadini nei tribunali, si è raggiunta una unità di intenti senza precedenti che ha permesso di finalizzare il lavoro nell'interesse di tutti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

Torna su
RomaToday è in caricamento