Insorgenza Civiele :"Pedaggio complanari A24, fregatura annunciata"

"Purtroppo è ufficiale: gli abitanti di Lunghezza, Ponte di Nona e Settecamini sono romani di serie B"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

"Lo andavamo dicendo da tempo, insieme a tante altre realtà civiche del territorio: le complanari della A24 saranno a pagamento. C'era - e c'è - solo una possibilità: una serie di iniziative, civili ma radicali, atte a costringere le Istituzioni a impedire l'ennesima fregatura per i cittadini romani che vivono nell'estrema periferia orientale della città. Purtroppo è ufficiale: gli abitanti di Lunghezza, Ponte di Nona e Settecamini sono romani di serie B, costretti a pagare un pedaggio per usufruire della stessa strada di cui si servono gratuitamente i cittadini di altre zone di Roma. Il tempo dei tavoli, degli incontri, delle riunioni, delle commissioni comunali, delle promesse elettorali e delle passerelle politiche è finito: o i cittadini di Roma Est alzeranno la voce e mostreranno i muscoli, o l'ennesima truffa ai nostri danni sarà perpetrata. A noi la scelta.",

Lo comunica in una nota Antonio Lucignano, delegato su Roma del movimento Insorgenza Civile.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento