Politica

Parentopoli Atac, al via l'indagine. Il Pd: "Estenderla anche ad Ama ed Acea"

La commissione sarà guidata da Renato Castaldo e avrà "il compito di svolgere un'analitica ricognizione nel corso dell' ultimo decennio delle procedure di assunzione e di gestione delle risorse umane, valutando eventuali anomalie"

Al via la commissione di indagine sulla cosiddetta "parentopoli" all'Atac, l'azienda di trasporto pubblico della capitale che ha suscitato non poche polemiche. Sembra infatti che la maggior parte delle 854 assunzioni degli ultimi due anni, abbia riguardato in modo particolare, mogli, fidanzate, amici e parenti di assessori, dirigenti e sindacalisti. La commissione sarà guidata da Renato Castaldo e avrà "il compito di svolgere un'analitica ricognizione nel corso dell' ultimo decennio delle procedure di assunzione e di gestione delle risorse umane, valutando eventuali anomalie".

Verranno inoltre analizzati e valutati “i livelli di professionalità in coerenza con gli incarichi assunti e le metodologie di avanzamento della carriera aziendale”. L'inchiesta, che è stata estesa agli ultimi 10 anni, ha suscitato gli interrogativi del presidente dell'Aduc, Primo Mastrantoni, il quale ha richiesto al sindaco spiegazioni riguardo questa estensione: “E' una minaccia agli esponenti della precedente giunta, un tentativo di captatio benevolentiae o vuole far chiarezza definitiva?

Secondo quanto dichiarato dall'assessore al bilancio Maurizio Leo, entro Dicembre la giunta capitolina approverà una maxidelibera per creare un'unica holding di Roma Capitale, nella quale confluiranno tutte le società controllate dall'amministrazione capitolina. Questo per 'compensare' all'interno di un unico bilancio, i debiti e i crediti delle varie società come Atac, Ama, Acea spa, Roma Entrate, Zetema, Roma Metropolitane, Roma Servizi per la Mobilità e Eur spa.

Ed è proprio ad alcune di queste società che  il consigliere comunale del Pd Athos De Luca, chiede di estendere i controlli: “Chiediamo, prima che esploda un'altro scandalo giornalistico, di estendere l'inchiesta interna anche ad Ama ed Acea. Come Pd insistiamo nella necessita e urgenza - aggiunge - di nuove regole, sulla trasparenza, evidenza pubblica, assunzioni, appalti e incompatibilità, per rendere giustizia ai cittadini e porre fine a una morale della convenienza, che sembra stia prendendo il sopravvento in questa amministrazione. Nel frattempo, - conclude De Luca - , "Alemanno tolga le deleghe di Atac all'assessore Marchi assumendone l'incarico.”
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parentopoli Atac, al via l'indagine. Il Pd: "Estenderla anche ad Ama ed Acea"

RomaToday è in caricamento