rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica Collatino / Viale della Serenissima

Parco della Serenissima, 10 anni dopo tornano i fondi: 6,3 mln di euro nel bilancio

"Sono risorse da tempo attese per la compensazione della Tav" ha dichiarato il sindaco Marino. Il progetto di un parco archeologico Tiburtino-Collatino è nel cassetto dal 2002

Sei milioni e trecento mila euro per il parco archeologico della Serenissima nel bilancio 2015 appena approvato. Ad annunciarlo il sindaco Marino: "Sono risorse da tempo attese per la compensazione della Tav". E "da tempo" è un eufemismo. Che il quadrante Collatino aspetta il sito sono più di 10 anni. 

LA STORIA - A fianco dell'A24, presso il viadotto della Serenissima, è stata scoperto nel 2002 un antico tratto di via Collatina, 150 metri di basolato pressoché intatto, che bloccava i lavori per la linea ferroviaria dell'Alta Velocità. 

La strada fu smontata e i pezzi catalogati uno per uno nel cantiere, doveva essere rimontata a chiusura dell'opera sul luogo originario, come da indicazione della Soprintendenza. L'area avrebbe dovuto far parte di un grande parco archeologico attrezzato, insieme a un'importante necropoli pre romana rinvenuta anni prima e distante pochi metri. Ma il condizionale è d'obbligo, perché il progetto è rimasto lettera morta. 

"Il tratto di strada romana e la attigua necropoli costituiscono un nuovo polo archeologico della città. Esso ha un valore rilevante anche sul piano scientifico, trattandosi di testimonianze significative del suburbio romano e pre-romano". Era il gennaio 2003 quando Stefano Musco, ispettore della Soprintendenza di Roma, commentava la scoperta, decisamente rilevante in ambito archeologico. 

Il passo successivo doveva essere, appunto, il parco naturalistico: 30 ettari di verde pubblico, tra i quartieri Tiburtino, Casal Bertone, Portonaccio e Collatino nell’ex V Municipio e poi aldilà della A24, negli ex Municipi VI e VII. Nel 2008 l'annuncio in pompa magna, oggi a 7 anni di distanza, la parte realizzata è minima rispetto al progetto iniziale, un'area di 2 ettari tra via di Casal Bruciato e via dei Cluniacensi. Il resto è soffocato tra sterpaglie, rifiuti e incuria. 

"Grazie al rilancio dei rapporti con FS abbiamo sbloccato diverse cose tra cui questa" ha dichiarato l'assessore ai Trasporti, Guido Improta. L'ennesima promessa, ma speriamo che stavolta il finale sia diverso. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco della Serenissima, 10 anni dopo tornano i fondi: 6,3 mln di euro nel bilancio

RomaToday è in caricamento