rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Politica

Appia Antica, in vendita 40 ettari di parco: c’è anche la sede della onlus Ciampacavallo

Rappresentanti di governo e regione incontrano l'associazione impegnata sul fronte della disabilità: “Al lavoro per risolvere questo problema”

Quaranta ettari di parco dell’Appia Antica sono finiti in vendita. Non da oggi. La fondazione Gerini da qualche mese sta infatti cercando acquirenti interessati a riscattare l’imponente patrimonio che fu del marchese Alessandro Gerini.

Una parte di quei terreni hanno già ricevuto delle proposte. E’ il caso, ad esempio, del casale dell’Ex Mulino nella valle della Caffarella che l’ente parco intende acquistare per farne un ostello per i pellegrini. Anche il municipio VII ha espresso l’intenzione di riscattare una porzione di verde, vicino al parco di Tor Fiscale, in modo da poter ampliare l’estensione del polmone verde. Ci sono però altre aree, e si parla di decine di ettari, che non hanno ricevuto offerte pubbliche. Su una parte di queste insiste l’associazione di promozione sociale Ciampavacallo.

La storia della Onlus

Ciampacavallo ospita una fattoria sociale, un centro diurno outdoor, una sede di equitazione integrata e accoglie più di 700 persone con disabilità a tutti i livelli, lavorando ovviamente a tariffe sociali, in alcuni casi anche a titolo volontario.  “La nostra sede storica ci è data in affitto da molti anni dalla Fondazione Gerini; Il terreno, che ricade nel territorio del Parco regionale dell’Appia Antica è uno spazio in cui, utilizzando i capannoni esistenti, abbiamo saputo creare una palestra, una falegnameria, diversi laboratori artigiani, un vivaio, degli orti”. Ad illustrare le attività della Onlus, attraverso una petizione lanciata su piattaforma change.org, sono i diretti interessati. La raccolta firme, che ha ottenuto oltre 6mila sottoscrizioni in appena 4 giorni, è stata pubblicata per chiedere di “salvare” quell’esperienza che, da 20 anni, accoglie persone con disabilità. Operazione che è riuscita anche negli anni del Covid.

In vendita la sede di via Appia Pignatelli

Perché la petizione? Il motivo è spiegato dallo Onlus. “Noi vorremmo richiedere alla regione Lazio di esercitare il diritto di prelazione sulla compravendita” dei terreni che, per le attività dell’associazione, si sviluppano per circa 3 ettari. Al momento la fondazione Gerini ha ricevuto un’offerta da un privato ed è sul punto di effettuare il rogito.

“Purtroppo la sede storica dell’associazione, che si trova appunto su Appia Pignatelli, è oggetto oggi di un accordo di vendita - il preliminare è già avvenuto e il rogito dovrebbe essere alla fine di giugno 2023 - tra la Fondazione Gerini e un imprenditore. Il lotto è di circa 20 ettari e Ciampacavallo ne occupa, per le sue attività, solo 3. La Regione Lazio è l’Ente avente diritto di esercitare il diritto di prelazione sull’accordo in corso, ma la questione è stata dimenticata dalla Giunta Zingaretti” hanno spiegato in una nota il vice ministro al lavoro ed alle politiche sociali Maria Teresa Bellucci e Massimiliano Maselli, assessore regionale all'inclusione sociale.

La promessa di governo e regione

I due esponenti di Fratelli d'Italia hanno dichiarato di voler“dare un segnale forte di attenzione da parte del Governo e della Regione Lazio a una realtà che ha bisogno di aiuto”. Per questo, hanno annunciato di voler partecipare ad una riunione, cui sono invitati anche i rappresentanti delle consulte municipali sulla disabilità, prevista il 24 maggio presso la sede dell’associazione. 

“Ora il peggio si potrebbe evitare – hanno spiegato il viceministro Bellucci e l’assessore regionale Maselli – facendo valere la prelazione almeno sulla particella in cui ricade l’attività associativa. Lavoreremo per la risoluzione di questa problematica e per il miglior risultato possibile, così da tutelare ragazzi e famiglie, oltre che il lavoro di tante persone”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appia Antica, in vendita 40 ettari di parco: c’è anche la sede della onlus Ciampacavallo

RomaToday è in caricamento