rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Politica Cinecittà / Viale Appio Claudio

Parco degli Acquedotti, ripreso il cantiere di viale Appio Claudio: migliorerà l’accesso pedonale

Laddaga: “Avviati anche dei sondaggi archeologici. Amplieranno il racconto dell’evoluzione storica del nostro territorio”

I lavori necessari a migliorare l’accesso da Statuario del parco degli Acquedotti sono ripresi.

L’intervento progettato, finanziato e messo a bando durante la precedente consiliatura, prevede la sistemazione della strada, sconnessa e priva di marciapiedi, che pedoni ed automobilisti sono stati finora costretti a condividere. Perché se il viale è stato riqualificato, sul lato dell’Appio Claudio, il restyling si era bloccato sul versante di Statuario.

Il restyling del viale

“Il parco aveva contestato alla ditta che stava eseguendo i lavori il mancato rispetto di quanto pattuito in conferenza dei servizi. Lì è prevista la sistemazione della strada, che ci tengo a sottolineare non sarà in cemento ma in materiale biocompatibile, perché si tratta di una mistura di argilla e terra” ha spiegato il presidente del Municipio VII Francesco Laddaga, raggiunto telefonicamente da Romatoday.

Perché i lavori si erano interrotti

Il cantiere però aveva subito uno stop. “La contestazione nasceva dalla sistemazione, sotto questo materiale biocompatibile, di una rete elettrosaldata che ne avrebbe dovuto garantire una tenuta migliore. Non era però prevista e non è pertanto, a fronte delle contestazioni, il direttore del municipio aveva provveduto in via cautelare a sospendere i lavori”. Ora però verrà rimossa e di conseguenza l’intervento è ripartito.

Gli scavi archeologici

L’attesa sistemazione del viale di accesso al parco della “grande bellezza” ha fornito l’occasione per effettuare anche dei carotaggi. “Si stanno eseguendo i saggi archeologici richiesti dal Parco Archeologico dell’Appia Antica” ha spiegato Laddaga . In uno dei due punti in cui gli archeologi hanno scavato, infatti, sono state trovate delle pre-esistenze di età medioevale e moderna. “La stratigrafia emersa – ha commentato il minisindaco – fornisce elementi per ampliare il racconto dell’evoluzione storica del nostro territorio e del grande patrimonio del parco” che però, non andrà ad interferire sul completamento del progetto di rifacimento dell’accesso pedonale.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco degli Acquedotti, ripreso il cantiere di viale Appio Claudio: migliorerà l’accesso pedonale

RomaToday è in caricamento