Mercoledì, 12 Maggio 2021
Politica

Parcheggi taxi vicino agli hub vaccinali, la proposta piace al Campidoglio: “Sostiene una categoria in crisi ed aiuta i cittadini”

La commissione mobilità ha valutato positivamente la richiesta dei tassisti

Posteggi destinati ai taxi vicino agli hub vaccinali. Presto sarà possibile raggiungere, o lasciare, i centri destinati alla somministrazione degli agognati vaccini, usufruendo delle vetture a servizio del trasporto pubblico.

Parcheggi taxi fuori gli hub e gli ospedali

Le associazioni di categoria dei tassisti romani, hanno predisposto una prima mappa dei luoghi dove, la loro presenza, potrebbe rivelarsi particolarmente vantaggiosa. Davanti la Nuvola di Fuksas, ad esempio. Oppure a ridosso degli studi di Cinecittà. La richiesta, che è anche quella di aumentare i posteggi dedicati, o di ripristinare quelli esistenti, ad esempio “al San Camillo o al Sant’Andrea -  ha spiegato Riccardo Cacchione dell’USB - dove c’è un piccolo spazio che però è invaso dalle auto private”.

Una proposta che è piaciuta

“Il tema non è peregrino perché l’utilizzo del taxi può rivelarsi più frequente di quello che si pensi, per i cittadini che hanno bisogno di raggiungere gli hub vaccinali” ha sottolineato la consigliera socialista Cristina Grancio. E d’altra parte la proposta ha riscontrato ampi consensi, da parte di Roma Servizi per la Mobilità, ma anche dei rappresentanti degli assessorati capitolini e regionali che potrebbero essere coinvolti. Nel caso della Regione soprattutto sul piano del coordinamento e della campagna di comunicazione.

Tassisti messi in crisi dal Covid

Più taxi significa meno auto private

“Il progetto ha riscontrato il positivo apprezzamento di tutti gli intervenuti - ha sintetizzato il presidente della commissione Mobilità Enrico Stefàno - perchè  si configura non solo come fondamentale ausilio per i cittadini, ma anche come strumento per limitare l’uso del mezzo privato”. Gli utenti, ha spiegato Cacchione (USB) “avrebbero un vantaggio economico, perchè trovando i taxi davanti l’hub vaccinale o l’ospedale, non andrebbero a pagare il costo della chiamata”. 

Una categoria in crisi

La proposta, com’è stato rilevato, andrebbe a beneficio anche del settore dei tassisti, vessato dalla pandemia, dall’assenza di turisti in città e dal complessivo calo degli spostamenti in città. Ora l’obiettivo, ha concluso Stefàno, è quello di “dare un segnale tangibile”, avviando di concerto con gli uffici “gli atti amministrativi tali da realizzare i primi stalli” finendo così per migliorare un piano parcheggi taxi che, a detta degli operatori ed anche del presidente della commissione Mobilità “è ormai datato e insufficiente e raccogliere le nuove sfide”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggi taxi vicino agli hub vaccinali, la proposta piace al Campidoglio: “Sostiene una categoria in crisi ed aiuta i cittadini”

RomaToday è in caricamento