Politica Piazza Gondar

Trent'anni fa moriva Paolo Di Nella. Alemanno: "Riaprire le indagini sugli anni di piombo"

Nel trentennale della morte del militante del Fronte della Gioventù, il sindaco ha chiesto "una generalizzata riapertura delle indagini sulle morti di 6 ragazzi di sinistra e 11 di destra"

Trent'anni fa moriva Paolo Di Nella. Oggi il sindaco ha ricordato la morte del giovane militante del Fronte della Gioventù, deponendo una corona d'alloro nel luogo dove Di Nella fu ammazzato. Alemanno ha colto l'occasione per chiedere la riapertura delle indagini sugli anni di piombo.  

Per Alemanno, "nella memoria condivisa di questa città abbiamo un grosso problema: 6 ragazzi di sinistra e 11 di destra uccisi che non hanno avuto giustizia. Chiedo, come sindaco di Roma, una generalizzata riapertura delle indagini su queste morti". Se la memoria non è condivisa, il dibattito politico rischia di cadere nell'odio", ha aggiunto il sindaco Alemanno.  "Paolo fu l'ultimo ragazzo ucciso in quegli anni, perché in quell'occasione ci fu chi riuscì a voltate pagina, rifiutando la logica dell'odio. Però Paolo Di Nella attende ancora giustizia".

Presente anche il parlamentare di Fratelli d'Italia Fabio Rampelli per il quale "di fronte alla mancanza di giustizia rimane la disperazione: per questo la generazione di Paolo ha deciso di farsi giustizia da sé".

E' poi partito da viale Paolo Di Nella, all'interno di Villa Chigi, il corteo. Un centinaio, le persone che silenziosamente hanno sfilato per il quartiere Trieste percorrendo via Niccolò Piccinni, via di Villa Chigi, Via Poggio Catino, Via Collalto Sabino, piazza Santa Emerenziana e via Libia, per arrivare a piazza Gondar. Ad aprire il corteo, lo striscione "Paolo Di Nella, da trent'anni vogliamo giustizia e verità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trent'anni fa moriva Paolo Di Nella. Alemanno: "Riaprire le indagini sugli anni di piombo"

RomaToday è in caricamento