Domenica, 26 Settembre 2021
Politica Spinaceto / Via Iris Versari

Orti urbani Casal Brunori, il M5s s’intesta i meriti. Replicano i cittadini: “C'è stato un lavoro di squadra”

Il blog di Beppe Grillo ha rilanciato il successo degli orti urbani di Casal Brunori: “C'è voluto il M5s per realizzare questo sogno”. L’associazione che ne ha la gestione ricorda però che “il merito va condiviso come in una staffetta”

Gli orti urbani di Casal Brunori sono un esempio di best practices. Ne sono convinti tutti. I residenti che per anni si sono impegnati al fine di vederli realizzare. La Comunità Europea che li ha finanziati. Il Movimento 5 Stelle che li ha rilanciati sul blog di Beppe Grillo e sulla pagina facebook della sindaca Virginia Raggi. 

C'è voluto il Movimento 5 stelle

“Centosette orti urbani e un ettaro e mezzo di un'area verde sottratto all'abbandono e alle mire della speculazione edilizia a Roma: un sogno che migliaia di cittadini inseguivano da anni e che finalmente si realizza grazie al lavoro degli abitanti, dei comitati di quartiere del IX Municipio, delle associazioni e dell'amministrazione 5 Stelle” si legge nel blog del comico genovese, leader del M5s. “Un successo che presenteremo con orgoglio a novembre a Tallin, in Estonia, come esempio di un progetto virtuoso al servizio delle persone. Erano anni che i cittadini di Casal Brunori chiedevano questo intervento nel quartiere – si legge sempre nel post, a cui non viene risparmiata una stilettata all’amministrazione precedente–  Il Pd ci ha provato per 36 lunghi mesi senza riuscire a portare a termine la procedura. C'è voluto il Movimento 5 Stelle per realizzare questo sogno, nato dal basso”. 

Un esperimento di partecipazione popolare

La soddisfazione dei cittadini è palpabile. “Si è creato un bel gruppo, vengono organizzati anche dei barbecue – spiega Vanessa, una delle 107 persone a cui è stato destinato un lotto – io ho puntato su un orto sinergico, con   insalate, pomodori, melanzane, frigitelli, peperoni, ravanelli, fagiolini zucche e zucchine”. Più che a sufficienza per evitare di andare a fare acquisti nella grande distribuzione. 

Un lavoro durato anni

Per realizzare il sogno dell’Associazione Vivere in e delle 150 persone che hanno fatto richiesta di assegnazione di un lotto, c’è voluto del tempo. Molto tempo. Di proroga in proroga, si è trascinato per più consiliature. Poi “In meno di 6 mesi il IX Municipio di Roma ha portato a buon fine la procedura lasciata incompleta dalla precedente amministrazione”. Lo ha fatto, come accennato nel blog di Beppe Grillo, “recuperando un finanziamento europeo di oltre 130.000 euro che rischiava di essere perso”. Il post si conclude con un appello ai romani, “ricordatevelo quando vi parleranno degli ‘incompetenti’ che governano Roma”.

I meriti da condividere

L’idea che l’esperimento degli orti, sia riuscito solo grazie al M5s, ha fatto storcere il naso. “Quando si realizzano progetti importanti – ha ricordato la Onlus Vivere In…che ne ha ottenuto la gestione - il merito è sempre collettivo, proprio come avviene in una staffetta. Con la realizzazione del PARCO Ort9 - Sergio Albani, la cittadinanza attiva ha sperimentato il modello della buona pratica migliorando i processi di governo”. I cittadini sono stati in prima linea nella bonifica delle aree poi destinate al progetto. E spesso hanno agito da pungolo nei confronti dell’amministrazione. “I riconoscimenti vanno, oltre alla politica, da Alemanno alla Raggi, passando per Marino, anche al ruolo determinante del Dipartimento tutela Ambientale supportato da Risorse per Roma e dall’ufficio tecnico del Municipio IX”. Meriti da condividere dunque.

La correttezza istituzionale el'avvicendamento delle amministrazioni

Da parte dell'opposizione, la pubblicazione dell'iniziativa cittadina sulla pagina istituzionale del M5s municipale, come anche sul blog di Beppe Grillo, è un chiaro segnale. “Ciò che colpisce in negativo è che 'un progetto europeo come SIDIG-MED sia utilizzato per la propaganda di parte, senza nessuna sensibilita  istituzionale, anche perché - va detto- che il lavoro svolto dall’attuale amministrazione non è mai stato disconosciuto, anzi. La realtà è che gli orti urbani di Casal Brunori sono stati realizzati soprattutto grazie alla grande determinazione dei cittadini.

Buona pratica a livello europeo

E a loro che va riconosciuto il merito principale se questo  progetto oggi diviene una 'buona pratica' a livello europeo - sottolinea il democratico Alessandro Lepidini, già presidente della Commissione ambiente del Municipio IX - Come non ricordare, ad esempio, come siano stati proprio i cittadini a  bonificare l’area e far effettuare, a  proprie spese, le analisi dei terreniLa correttezza istituzionale imporrebbe quindi  che nessuna forza politica s’intesti un lavoro portato avanti negli anni dalla cittadinanza e  conclusosi durante l'attuale amministrazione,  nel quadro però di un fisiologico avvicendamento di amministrazioni egualmente impegnate nel raggiungimento di un importante risultato istituzionale a beneficio della nostra comunità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orti urbani Casal Brunori, il M5s s’intesta i meriti. Replicano i cittadini: “C'è stato un lavoro di squadra”

RomaToday è in caricamento