Politica

Ordinanza anti lavavetri: la Chiesa critica il Sindaco

Al termine di un incontro tra Alemanno e il Cardinale Agostino Vallini, quest'ultimo ha chiesto di tutelare “il diritto di ogni uomo alla sopravvivenza e ad una vita dignitosa”. Il Sindaco: “Non ritiro l'ordinanza”

La Chiesa critica l'ordinanza anti lavavetri firmata dal sindaco Alemanno. Lo fa in modo duro e perentorio, al termine di un incontro tra lo stesso sindaco Alemanno e il Cardinale Agostino Vallini, Vicario del Papa per la diocesi di Roma. Una voce non qualunque quindi, che si aggiunge alla già dura opposizione al provvedimento fatta da esponenti dei partiti di sinistra .

Al termine dell'incontro nel Palazzo del Laterano la Diocesi di Roma ha rilasciato un comunicato, quasi a voler rafforzare le critiche espresse al sindaco durante l'incontro. "La domanda di legittima sicurezza dei cittadini che la pubblica Amministrazione ha il dovere di tutelare non può non essere coniugata con il diritto naturale di ogni uomo alla sopravvivenza e alla ricerca di condizioni per una vita dignitosa", ha spiegato il Cardinale Vallini, dal quale arriva l'invito a pensare a strumenti alternativi ed integrativi "che  mostrino il volto umano della città e siano di sprone ai cittadini a non guardare soltanto ai propri interessi ma al bene di tutti, promuovendo così la pace sociale ed una credibile testimonianza educativa alle nuove generazioni".

  Bisogna pensare a strumenti integrativi che mostrino il volto umano della città   
Il vicario del Papa per Roma ha quindi esortato a "deplorare quei comportamenti, messi in atto anche da chi si dichiara cristiano, di sfruttamento, di abusi, di speculazioni ai danni di immigrati anche regolari che desiderano un onesto inserimento sociale, come addolora un crescente clima di intolleranza sociale".

Se Vallini è stato duro nelle sue critiche, altrettanto perentorio è stato il Sindaco Alemanno che ha detto che in alcun modo ritirerà il provvedimento. Il primo cittadino ha comunque raccolto le sollecitazioni di Vallini ed ha promesso strumenti che garantiscano la sopravvivenza ai lavavetri indigenti: “Stiamo lavorando ad un progetto di borse-lavoro per coinvolgere nella fase sperimentale i lavavetri in opere anti-degrado urbano come la pulizia dei muri". In particolare Alemanno ha rassicurato Vallini dicendo che "nell'ordinanza del comune è già previsto l'avvio ai servizi sociali per le persone indigenti. Poi, cercheremo di coinvolgere in attività alternative a quelle che svolgono e che dovranno cessare perché illegali o negative per la cittadinanza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordinanza anti lavavetri: la Chiesa critica il Sindaco

RomaToday è in caricamento