Politica

Scaduta l'ordinanza anti-cortei: oggi le nuove regole dal sindaco

Ieri sera si è svolto in Prefettura un incontro con partiti e sindacati per riscrivere le regole che disciplinano i cortei in città. I sindacati: "Basta ordinanze"

Oggi 15 novembre scade l'ordinanza del sindaco Alemanno sul divieto dei cortei in centro e ieri sera in Prefettura si è avuto un tavolo di confronto con partiti e sindacati per riscrivere le regole che disciplineranno le manifestazioni in città. Il sindaco non vorrebbe prorogare l'ordinanza, ma solo se ci saranno nuove regole.

Si sono espressi in modo compatto la Cgil, la Cisl e la Uil romane, rappresentate rispettivamente da Claudio Di Berardino, Pierangelo Mancini e da Pierpaolo Bombardieri. "Noi abbiamo manifestato l'esigenza di abbandonare l'ordinanza che scade domani (oggi, ndr), verificare il protocollo del 2009 perché riteniamo che le regole in essere garantiscano la sicurezza e creino il minor disagio possibile. Non è stato bello sentirsi rispondere che il sindaco ci farà sapere domani (oggi, ndr)", hanno commentato i leader sindacali. In sostanza, i sindacati ricordano che esiste un protocollo sul quale bisogna ragionare senza andare avanti a suon di ordinanze.

Sul fronte del partiti politici Gianluca Peciola di Sel ha espresso il pensiero di quasi tutti i rappresentati a esclusione di quelli di Pdl e La Destra. "Non siamo d'accordo con l'ordinanza perché ha fallito - ha detto Peciola -. Serve uno strumento che crei una maggiore mediazione e non che si appelli in modo pretestuoso all'ordine pubblico". Non ci sta Roberto Cantiani del Pdl: "La libertà di manifestare finisce dove inizia la libertà del cittadino. L'ordinanza ha funzionato quindi ben venga". Contro l'ordinanza anche Domenico Marocco de La Destra, ma per lui "i cortei vanno regolamentati in modo rigido anche se non necessariamente lontano dal centro storico". (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scaduta l'ordinanza anti-cortei: oggi le nuove regole dal sindaco

RomaToday è in caricamento