rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Politica Centro Storico / Via dei Greci

Open bus come il piano pullman? Il municipio vota no, ma Improta va avanti

Da via della Greca è 'no' al regolamento che disciplina l'attività dei bus turistici a due piani: "Non è precisata frequenza in prossimità dei monumenti, nè numero di permessi e soste"

Come previsto, il I Municipio ha detto no al regolamento capitolino sugli Open bus, gli autobus Gran Turismo a due piani che portano in tour i visitatori per i monumenti cittadini. Questa mattina il parere votato in consiglio, che ricalca la contrarietà, già espressa con atti passati, al piano pullman, il più ampio provvedimento che disciplina ingresso, sosta, permessi e sanzioni per i torpedoni. 

Sul punto il parlamentino si è sempre espresso chiaramente: finchè si consente ai pullman l'ingresso nell'anello ferroviario (prevista dal piano) il problema traffico e sosta 'selvaggia' non si risolve. Vale lo stesso per gli Open Bus. 

"Nel regolamento presentato da Roma Capitale non è previsto un piano delle linee Gran Turismo - continuano Argilli e Secchi - non è chiarita la frequenza soprattutto in prossimità dei monumenti e non sono previsti incentivi per l'utilizzo di mezzi ibridi o elettrici.

Abbiamo espresso parere negativo - continuano Argilli e Secchi- perché crediamo che il Regolamento per le linee Gran Turismo non sia in linea con i propositi del nuovo PGTU proposto dall'assessore Improta che disincentiva l'utilizzo dei mezzi su gomma per motivi ambientali e di traffico. 

Il voto negativo - ribadisce Secchi - deriva dall'impossibilità di valutare l'impatto concreto del regolamento sul territorio del I Municipio. Non sono specificate quante autorizzazioni saranno rilasciate, né i percorsi o le fermate". 

LA RISPOSTA DI IMPROTA - Al voto in municipio risponde tramite nota stampa l'assessore alla Mobilità, Guido Improta che rivendica i risultati raggiunti fino ad oggi con l'attuale piano. "È bene ricordare alla presidente e all'assemblea del I Municipio, che hanno espresso parere negativo verso il nuovo regolamento degli open bus, che lo stesso parere contrario lo avevano pronunciato nei confronti della delibera che regolamenta l'accesso dei bus turistici, ma i dati che arrivano sono assai incoraggianti e in coerenza con le disposizioni del Piano Generale del Traffico".

"Nel 2014 infatti, rispetto al 2013, al netto dei permessi G (Grandi Eventi), il numero dei bus turistici in entrata nella Capitale è diminuito del 5%, nonostante l'incremento dei flussi turistici che ha interessato la città". 

E comunque, specifica Improta, "è doveroso ricordare che l'obiettivo della delibera che regolamenta l'accesso degli open bus, oltre a quello di contingentare il numero dei passaggi sugli stessi itinerari, è di andare ad incidere sugli standard del servizio, di poter definire la rete, ovvero percorsi, fermate, frequenze e modalità, che potranno essere differenziate a seconda dell'interesse dell'operatore a erogare il servizio e alla domanda di mercato. Roma verrà divisa in tre zone: la 1, dentro le Mura Aureliane, la 2, tra queste e il Gra, e la 3, fuori dal Gra".

Insomma, è certo "che avremo sicuramente meno pullman rispetto al passato e l'amministrazione ha già compiuto il primo passo ponendo in liquidazione Trambus Open, tant'è che dal dicembre del 2014 non circolano più i suoi venti open bus. Con la nuova delibera, inoltre - conclude Improta - creeremo le condizioni per consentire anche agli operatori internazionali di poter partecipare al rilascio delle autorizzazioni attualmente appannaggio esclusivo di soggetti nazionali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Open bus come il piano pullman? Il municipio vota no, ma Improta va avanti

RomaToday è in caricamento