Casa, movimenti occupano l'assessorato regionale: "Sbloccare la delibera sull'emergenza"

La protesta in via Capitan Bavastro a Garbatella. Al centro della rivendicazione il 'Piano straordinario per l'emergenza abitativa' approvato nel gennaio scorso dalla giunta regionale

La protesta in via Capitan Bavastro (foto Twitter Bpm_Roma)

Sbloccare la delibera regionale che contiene una Piano straordinario per l'emergenza abitativa. Con questa richiesta i Movimenti per il diritto all'abitare hanno occupato questa mattina la sede dell'assessorato regionale alla Casa in via Capitan Bavastro a Garbatella. “Siamo scesi in piazza molte volte, abbiamo avviato tavoli su tavoli ma questo non basta. La delibera va attuata” denunciano i movimenti che si sono riversati non solo nel piazzale antistante l'edificio ma anche all'interno degli uffici. Davanti alle porte uno striscione con la scritta: “Nessun 'piano' sulla delibera.... stanchi di aspettare: case subito”. Non mancano slogan contro il Piano Casa del Governo e in particolare l'art. 5 che permette il distacco delle utenze ai palazzi occupati e impedisce di ottenere la residenza a chi ci vive.

LA DELIBERA - Al centro della rivendicazione la delibera n. 18 del 15 gennaio 2014 con la quale, scrivono in una nota i movimenti “la regione Lazio ha avviato un Piano straordinario per l’emergenza abitativa attraverso il recupero e l’autorecupero del patrimonio immobiliare pubblico, l’acquisizione e/o il recupero di immobili privati sul libero mercato a prezzi calmierati, “nonché ulteriori attività ritenute più idonee al fine di rendere fruibile il patrimonio immobiliare già esistente nell’ottica della rigenerazione urbana”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA PROTESTA - Per arrivare a quel documento i movimenti, negli scorsi mesi, sono scesi in piazza più volte, sia sotto al palazzo della Regione a Garbatella sia in Campidoglio, dove è stato avviato anche un censimento delle persone che vivono nelle occupazioni. “Entro 60 giorni dalla pubblicazione sarebbe dovuto partire il censimento dell’emergenza e all’individuazione del patrimonio immobiliare da destinare all’attuazione del piano straordinario”. Ma alla delibera non è più stata data effettiva attuazione. Protestano i movimenti: “Vogliamo ora sapere con chiarezza quali sono le programmazioni regionali rispetto all’emergenza e al fabbisogno abitativo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento