rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Politica

I Cinque stelle occupano il Consiglio del Lazio: "No alla cementificazione selvaggia"

I consiglieri pentastellati hanno passato la notte nella sala. "Il Piano territoriale paesistico regionale secondo la legge deve essere approvato entro il 15 febbraio". Ma la seduta slitta a data da destinarsi

“Bloccare la cementificazione su tutta la regione. No al condono Zingaretti”. E' questo il grido di battaglia che ha portato il gruppo regionale del Movimento cinque stelle a occupare l'Aula del Consiglio alla Pisana dove da ieri sera i consiglieri pentastellati si sono asserragliati. A far scattare la protesta la mancata calendarizzazione per venerdì di una seduta del consiglio per votare il Piano territoriale paesistico regionale che “secondo la legge 24/98 deve essere approvato entro il 15 febbraio visto che ad oggi la Giunta attuale e precedenti hanno solo adottato tale piano regionale”.

Obiettivo: evitare un vuoto normativo che apra le danze a una serie di progetti urbanistici 'liberi' da qualsiasi tutela del territorio. “Il Consiglio aveva ben tre proposte di legge per poter modificare tale termine e spostarlo di un anno. Due di queste sono già state approvate in Commissione Ambiente e quindi già discutibili in Consiglio. La terza invece, la più importante e cioè il collegato alla legge di stabilità, è in tremendo ritardo” spiegano in un comunicato.

Da qui l'urgenza di approvare il Piano: “Stiamo chiedendo con forza di ricevere una risposta alla tremenda domanda: cosa succederà il 16 febbraio alle ore 00:01?”. La paura dei Cinque stelle è una sorta di tana libera tutti per tutta una serie di progetti edilizi anche in quelle zone oggi tutelate dal Piano.  “Abbiamo passato la notte qui, i cittadini ci hanno portato viveri e appoggio. Riceviamo continuamente telefonate di supporto, dai comitati di tutela del territorio ai docenti universitari che condividono la nostra posizione e le nostre paure. Siamo determinati, non ce ne andremo finché il “condono Zingaretti” non sarà scongiurato e la difesa del territorio e del paesaggio continuerà a essere ignorata dalla maggioranza. Attendiamo la convocazione ufficiale del Consiglio per evitare lo scempio del territorio e di far un favore a costruttori e speculatori" dichiara Silvana Denicolò.

Così l'estremo gesto di chiudersi dentro all'Aula dove i consiglieri hanno passato tutta la notte. "Il M5S Lazio è chiuso da quasi 19 ore nell’aula consiliare di via della Pisana con l’intenzione di rimanerci fino a quando non sarà calendarizzato il consiglio per approvare la proroga al Piano Territoriale Paesistico Regionale.

“Tanto rumore per nulla” il commento dell'assessore alle Politiche del Territorio, alla Mobilità e ai Rifiuti della Regione Lazio Michele Civita. “La mancata proroga del termine di approvazione del PTPR o il suo slittamento non producono infatti alcun effetto sulle misure di salvaguardia del PTPR che continuano ad essere efficaci e vigenti” spiega l'assessore. “Infatti, il superamento della data del 14 febbraio, come è indicato nell'articolo 21 della legge regionale sul paesaggio (la n. 24 del 1998), al contrario di quanto sbandierato aumenta i livelli di salvaguardia consentendo di realizzare nelle aree con decreto paesaggistico minimi interventi edilizi ovvero solo quelli di restauro edilizio, risanamento statico e manutenzione straordinaria degli edifici. Tale disposizione restrittiva resterà in vigore fino all'entrata in vigore della legge con la proroga al 14 febbraio 2015, oggi rinviata”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Cinque stelle occupano il Consiglio del Lazio: "No alla cementificazione selvaggia"

RomaToday è in caricamento