Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica Centro Storico / Via Giulia

I No Pup rilanciano l'allarme: "Nessuna tutela per i residenti, via Giulia emblema del fallimento"

A fare il punto del Piano Urbano Parcheggi è il Coordinamento dei Comitati No Pup. Al centro del dibattito il parcheggio di via Giulia: c'è il permesso a costruire "ma non si tiene conto delle Valutazioni di Impatto Ambientale"

Eppure il sindaco Marino aveva promesso una svolta, un nuovo piano frutto di audizioni con cittadini e comitati, nel rispetto dell'impianto normativo vigente. Sul fronte Pup invece non è cambiato molto, e tra progetti che ignorano i pareri tecnici, e un interesse pubblico difficile da ravvisare, per qualcuno siamo 'da capo a dodici'. "Non è stato fatto niente di concreto, non sono state adottate le linee guide dei geologi del Lazio, non si è ancora parlato di tutele per i residenti, nessuno è stato ancora consultato". 

A lanciare nuovamente l'allarme su un Piano Urbano Parcheggi che convince sempre meno è il Coordinamento dei Comitati No Pup. Nella quasi totalità dei parcheggi, 45 in totale, confermati (ma ancora in discussione) dall'attuale giunta, sono pochissimi quelli dove secondo i denuncianti si può parlare di un utilità per la cittadinanza. E il dito è puntato in particolare contro cantieri che vanno avanti senza i necessari atti autorizzativi, e senza tener conto della "nozione di opera pubblica"  nella quale dovrebbero rientrare, come deliberato il 30 maggio 2012 dal Consiglio dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (ex Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici). 

Perchè i parcheggi interrati non sono di fatto opere pubbliche? Perché si basano su "semplici proposte presentate dai privati oltre venti anni fa” le cui procedure ormai non sono "più coerenti con l’attuale quadro normativo". Un esempio emblematico? Via Giulia. 

IL CASO DI VIA GIULIA - Il parcheggio multipiano nel cuore della città è già in cantiere, e a detta dei No Pup è tutto fuorché adeguato rispetto al valore architettonico e archeologico della zona circostante.  La sua realizzazione era strettamente connessa all'emergenza traffico, decretata nel 2006 e finita nel 2012. Ma invece che approfittare della fine del periodo critico per valutare con attenzione istanze e pareri tecnici, "si è andati ancora più veloci con l'approvazione del progetto, come se l'emergenza non fosse mai terminata". 

"IGNORATA LA VIA" - A illustrare la vicenda via Giulia è Paolo Gelsomini, del Coordinamento Residenti Città Storica.  "Anziché avere prudenza ci si è affrettati senza alcuna ragione. Il permesso a costruire è stato rilasciato a gennaio, e non si è tenuto conto assolutamente dell'ultima Valutazione di Impatto Ambientale, quella del 2010". Già, secondo il parere i piani del parcheggio dovevano essere tre, e invece sono quattro. La stessa valutazione dell'ente Area Difesa Suolo della Regione Lazio poi faceva notare come il parcheggio andasse a interessare le aree di falda. 

"IL PARCHEGGIO NON E' INTERRATO" - A ciò si aggiunge che l'ultimo piano della struttura non sarebbe esattamente interrato. "Emerge oltre tre metri dal piano stradale" spiega Gelsomini, specificando come il dato diventi relativo a seconda del piano stradale di riferimento. Chi lo considera interrato si riferisce alla quota Lungotevere, ma sbaglia. "Noi confortati da decreto ministeriale dell'86 ripetiamo da tempo che il riferimento è via Bravaria, da qui si apre l'ingresso coperto del pup, ed è quanto stabilisce il decreto che sia fissato come punto di riferimento stradale". 

PROGETTAZIONE SENZA GARA - Altro aspetto "che preoccupa" i No Pup riguarda il processo partecipato per la sistemazione della piazza che nascerà sopra il parcheggio. "Doveva essere fatto un concorso internazionale", un gara pubblica per affidare l'esecuzione dei lavori, proprio perché la delibera considera i parcheggi opere pubbliche. A farli invece sarà la Cam, la stessa impresa che ha tirato su la struttura. A dettare le linee guida cittadini e Municipio, quando forse, per un'area di così alto valore architettonico, "sarebbero state di competenza di uffici tecnici Sopraintendenza".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I No Pup rilanciano l'allarme: "Nessuna tutela per i residenti, via Giulia emblema del fallimento"

RomaToday è in caricamento