Nasoni, proteste in Campidoglio e Montanari ci ripensa: "Stop alla chiusura"

Presente al flash mob l'attivista di fama internazionale Vandana Sheva. Dopo un dialogo degli attivisti con l'assessore, la decisione di fermare la chiusura delle fontane

Il flash mob in Campidoglio

Una mobilitazione sotto palazzo Senatorio e una lunga interlocuzione con l'assessore Montanari, che alla fine ha rassicurato gli attivisti: "Stop alla chiusura dei nasoni". E' il verdetto dopo giorni di proteste contro la decisione di chiudere parte delle storiche fontanelle romane che danno da bere sì ai turisti ma anche, e soprattutto, a chi dorme in strada. La scelta di fermare il flusso d'acqua dei nasoni era arrivata a seguito dell'emergenza siccità. Ma il diritto all'acqua rivendicato dalle associazioni umanitarie scese in piazza ha vinto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grazie forse, anche, alla presenza di Vandana Shiva, ambientalista di fama internazionale invitata oggi a palazzo Senatorio, poi schierata a fianco degli attivisti di Terra! e associazione 21 Luglio, organizzatori del flash mob. "Secondo i dati diffusi dal Coordinamento Romano Acqua Pubblica, i 2.800 nasoni romani "sprecano" solo l'1% dell'oro blu che dai bacini del Lazio arriva nella capitale. Il vero scandalo sono piuttosto le perdite delle vecchie tubature, che disperdono il 40% del volume complessivo" hanno più volte fatte presenti le associazioni, ricordando che "nel 2010, il diritto all'acqua è stato inserito dall'ONU nella Dichiarazione universale dei diritti umani, e nel 2015 è stato oggetto di una storica risoluzione del Parlamento Europeo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

Torna su
RomaToday è in caricamento