Politica

Multiservizi, licenziate 30 persone. L'attacco del sindacato: "Ora in discussione gli accordi con il Campidoglio"

Esplode la protesta. Bersaglio la sindaca Raggi. La Cgil: "La sindaca Raggi sta violando gli impegni assunti con le organizzazioni sindacali"

Si è conclusa stanotte con il licenziamento collettivo la vertenza dei 30 lavoratori in mobilità della Roma Multiservizil, azienda partecipata di secondo livello del Campidoglio. A nulla è valso infatti l'ultimo incontro di ieri in Regione Lazio, una riunione fiume di circa otto ore con il rumoroso presidio esterno dei dipendenti che attendevano l'esito della trattativa: l'azienda non è tornata sui suoi passi e non ha revocato la procedura di mobilità ne' tantomeno accettato la possibilità di ricorrere agli ammortizzatori sociali, prospettata dal rappresentante della Regione per tutelare i livelli occupazionali, ritenendola "non coerente con la situazione economica" e spiegando che avrebbero "solo ritardato la riorganizzazione" della società (le cui quote sono già state messe in liquidazione da Ama a partire dal prossimo settembre), limitandosi a ribadire l'offerta di demansionamento e ricollocamento gia' declinata da lavoratori e sindacati.

Le sigle, dal canto loro, hanno "contestato radicalmente", come si legge nel verbale di mancato accordo, il comportamento dell'azienda.E in mattinata la protesta è esplosa su via Tiburtina. Bersaglio la sindaca Raggi a loro dire incapace di risolvere un problema del quale l’Amministrazione era perfettamente a conoscenza.  

La vicenda promette di lasciare pesanti conseguenze per l'amministrazione pentastellata. Si tratta del primo vero strappo con i sindacati confederali. La Cgil, in particolare, spiega che "ora verrà messo in discussione l'insieme dell'impianto di accordi con il Campidoglio". All'agenzia Dire il segretario generale della Cgil di Roma e Lazio, Michele Azzola: "I lavoratori e il sindacato continueranno a lottare, è un problema che chiama in causa direttamente la sindaca Raggi che sta violando gli impegni assunti con le organizzazioni sindacali. Siamo in una campagna elettorale in cui il M5S si proclama difensore dei lavoratori e poi quando è al governo scarica l'incapacità proprio su di loro. La sindaca non può far finta che il problema non esiste e deve rispondere personalmente della violazione degli impegni. È chiaro che ora verrà messo in discussione l'insieme dell'impianto di accordi con il Campidoglio, perchè se viene meno la credibilità della sindaca viene meno anche il rapporto di fiducia". 

A rappresentare la Cgil nella trattativa di ieri con l'azienda è stato Luca Battistini. Interpellato dalla Dire spiega: "L'azienda non ha avuto la volontà di trovare l'accordo, ha licenziato i 30 lavoratori dopo proposte inaccettabili. Noi le abbiamo tentate tutte anche con l'aiuto della Regione, ma l'impostazione di Campidoglio, Ama e Multiservizi era evidentemente quella di arrivare ai licenziamenti perchè ci sono stati minori ricavi". 

In merito alle controproposte dell'azienda rifiutate dai lavoratori, "loro pensavano di farci accettare il demansionamento ma era improponibile, sarebbe stata una proposta limitata a un periodo molto breve che avrebbe creato un effetto domino facendo fuoriuscire chi è già sul territorio da molti anni, perchè i posti nei municipi sono già tutti occupati". 

Per i sindacati la soluzione era ed è solo una, "quella che era stata messa nero su bianco nell'accordo siglato con il Campidoglio il 27 settembre: bisogna applicare la legge Madia, che essendo la Roma Multiservizi una partecipata prevede la mobilià infragruppo, ma l'azienda non ha voluto ascoltare e hanno fatto proposte inaccettabili. Loro parlano di minori ricavi e non di fallimento, ma questa è un'azienda di servizi e non una fabbrica e quindi si potevano usare gli ammortizzatori sociali, come la solidarietà. Ma perchè - ha concluso Battistini- Roma Capitale e Ama non vanno a verificare perchè l'azienda ricava meno ed è uscita da appalti importanti come quello sulle scuole statali? Questo non possono essere i lavoratori a pagarlo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multiservizi, licenziate 30 persone. L'attacco del sindacato: "Ora in discussione gli accordi con il Campidoglio"

RomaToday è in caricamento