rotate-mobile
Politica

Morte David Sassoli, la politica in coro: "E’ stato un simbolo di equilibrio e generosità"

Il ricordo del presidente del Parlamento europeo nelle parole della massime cariche istituzionali, da Draghi a Gualtieri.

Tanti attestati di stima, per il lavoro svolto e per le qualità umane. La scomparsa di David Sassoli, nelle ore immediatamente successive alla sua morte, ha finito per compattare le istituzioni.

Rappresentanti della politica nazionale e cittadina, il sindaco, il governatore del Lazio, il segretario generale della Cgil. Tanti sono stati i commenti e le parole di commiato indirizzate al giornalista ed al politico Sassoli, il presidente del Parlamento europeo.

Il ricordo di Draghi

“Uomo delle istituzioni, profondo europeista, giornalista appassionato, Sassoli è stato simbolo di equilibrio, umanità, generosità” così lo ha definito il premier Mario Draghi che ha spiegato inoltre come “queste gli sono state sempre riconosciute da tutti i colleghi, di ogni collocazione politica e di ogni Paese europeo, a testimonianza della sua straordinaria passione civile, della sua capacità di ascolto, del suo impegno costante al servizio dei cittadini. La sua prematura e improvvisa scomparsa lascia sgomenti”.

Il cordoglio di Gualtieri

Il dolore per la scomparsa è il sentimento più diffuso e va di pari passo con il riconoscimento delle qualità del presidente del Parlamento europeo. Così ad esempio Gualtieri, nel sottolineare “l’amicizia profonda” maturata “nel lavoro comune a Bruxelles, ha dichiarato il proprio “infinito apprezzamento per i suoi principi e valori, per la sua dolcezza, la sua umanità e il suo equilibrio, per la capacità di unire sempre senso delle istituzioni e impegno senza riserve per i più deboli – ha sottolineato il sindaco di Roma - La sua passione politica resterà un insegnamento per tutti coloro che hanno a cuore il progresso di un'Europa più unita e più giusta”.

Il saluto della Regione

Anche la regione Lazio non ha mancato d’omaggiare il ricordo per Sassoli. Per Zingaretti, “La morte di David Sassoli è innanzitutto una notizia tristissima e dolorosa per tutti noi. Una comunità che lo ha amato, seguito e sostenuto in questi anni per la sua passione, capacità e dedizione – ha commentato il governatore del Lazio - È una perdita per l’Italia e per l’Europa ha di un grande Presidente profondamente europeista che in anni difficilissimi ha tenuto alta la bandiera dei valori fondanti dell’unione”.

L'apprezzamento della Cgil

Dal segretario del partito Enrico Letta ai ministri del governo Draghi, in tanti hanno espresso il cordoglio per la prematura scomparsa. Tra questi anche il leader della Cgil Maurizio Landini. “David era un uomo generoso, di grande umanità. Un giornalista e un politico sempre attento e vicino al mondo del lavoro. Sostenitore di una politica più vicina ai cittadini e ai loro bisogni, in particolare a quelli dei giovani –ha commentato il il segretario generale della Cgil che, in Sassoli, ha riconosciuto anche il proflio di  “un convinto europeista che si è sempre battuto per un'Europa solidale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte David Sassoli, la politica in coro: "E’ stato un simbolo di equilibrio e generosità"

RomaToday è in caricamento