menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Capo rom contro il presidente della 21 Luglio: "Se parli ancora della Barbuta ti mando in coma"

Minacce dal boss del 'villaggio' durante la presentazione del dossier Campo Nomadi Spa, nell'aula consiliare del VII Municipio. Stasolla: "A preoccuparmi è più il silenzio delle istituzioni"

"Non parli più del campo, se continua lo mando in coma". Parola del 'boss' de La Barbuta, Sartana Halilovic. Minacce alla luce del sole che irrompono tra un intervento e l'altro, gelando la platea che, giorni fa, ha riempito la sala consiliare del VII Municipio, per la presentazione del dossier Campo Nomadi Spa

IL "SISTEMA CAMPI" - Le intimidazioni di Sartana, che nel 'villaggio attrezzato' di Ciampino sembra dettare legge, sono rivolte a Carlo Stasolla, rappresentante dell'associazione 21 Luglio. Da sempre schierata nella difesa dei diritti rom, la onlus si batte per la chiusura dei campi nomadi, e stavolta lo fa mostrando, cifre alle mano, quanto il Comune spende per un campo, e quali sono i risultati in termini di inclusione sociale dei rom. 

Per la gestione dei 'villaggi attrezzati', il Campidoglio avrebbe speso nel solo anno 2013 ben 24 milioni di euro. Troppe risorse, ma soprattutto gestite male, secondo l'associazione, perché destinate in minimissima parte, l'1%, a politiche di inserimento della comunità. Insomma, dalle cifre sciorinate durante la presentazione, emergono costi stellari per mantenere in vita la "spa",  e progetti di inserimento abitativo, già sperimentati con successo in altre città, che invece se abbracciati consentirebbero di abbattere le spese con maggiori tutele e diritti per i destinatari. 

Ma non sono tanto i dati generici a innervosire il boss Sartana, che comunque si schiera in difesa dei campi. Il balzo dalla sedia e l'intervento choc arrivano con l'accenno a un altro studio che riguarda nello specifico La Barbuta e che verrà illustrato nel dettaglio dall'associazione in autunno.

UN NUOVO CAMPO A LA BARBUTA - "C’è in piedi un progetto tra il Comune, l’associazione Capodarco e la Leroy Merlin che prevede la costruzione di un nuovo campo in un'area vicina a quella attuale - spiega Stasolla - dove sorgerà invece un capannone industriale dell’azienda. Stiamo ancora studiando il progetto, ma il silenzio sulla questione è preoccupante". Silenzio che è rimbombato anche in aula, e che allarma più delle minacce il presidente dell'associazione. 

"LA RESISTENZA DEI POTERI FORTI" - "Nessun rappresentante delle istituzioni presente ha aperto bocca, neanche una parola di solidarietà". Ma non è un fulmine a ciel sereno. "Che ci siano molte resistenze da parte di forze politiche, sedicenti rappresentanti dei rom e associazioni lo sappiamo. Sono poteri forti, che hanno tutto l'interesse economico a far sì che la situazione resti com'è".  

Il boss che ha minacciato di "mandarlo in coma", ne sarebbe un esponente. "Siamo certi che non parli a nome della comunità rom, si definisce un 'rappresentante', ma in un sistema democratico qualunque, per parlare di rappresentanza, serve una votazione, una legittimazione da parte della comunità, che di fatto non c'è". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento