Migranti da Torre Maura a Statuario, ma è una fake news della Lega

La Lega annuncia il trasferimento di 20 migranti dal centro d'accoglienza di Torre Maura all'albergo di Statuario. La notizia però è falsa. Lozzi: "La Lega sia più responsabile: con loro allarmismo alimentano tensioni"

Non c’è stato alcun trasferimento da Torre Maura a Statuario. L’ipotesi, circolata nella serata del 14 aprile a seguito dell'incendio nella struttura di via Codirossoni, non ha avuto alcun seguito. I migranti continuano ad essere ospitati nel centro di accoglienza presente nel Municipio VI.

L'allarme lanciato dalla Lega

La distruzione di quattro stanze, la protesta degli ospiti della struttura e la reazione dei residenti, non hanno quindi avuto ripercussioni sull’albergo di via Siderno. Nella mattinata del 15 aprile però, Maurizio Politi e Flavia Cerquoni, capigruppo della Lega in Campidoglio ed in Municipio VII, avevano lanciato l’allarme. “E' di ieri sera la notizia del trasferimento, nel Municipio VII, di 20 immigrati provenienti dallo stabile occupato di Torre Maura . Altri ne sono attesi nella giornata di oggi, dopo che il 12 aprile, 7 persone erano state messe in quarantena proprio nella stessa struttura – hanno dichiarato i due leghisti, facendo riferimento all’albergo di via Siderno – Lo spostamento è conseguente alla violente protesta dei migranti in quarantena in via Codirossoni, a Torre Maura”.

L'albergo di Statuario

I due leghisti hanno puntato il dito anche contro l’amministrazione pentastellata, per “la poca trasparenza nelle comunicazioni e nelle azioni da parte del Sindaco e della Presidente 5 stelle sta gettando l'intero territorio in uno stato di totale agitazione”. Momenti di tensione, in effetti, si sono registrati nella mattinata di Pasqua allo Statuario dove, alcuni esponenti del Comitato di Quartiere, sono scesi in strada per manifestare la propria preoccupazione. L’arrivo di alcuni migranti nell’albergo di via Siderno, aveva infatti alimentato l’ansia d’una parte dei residenti. Si trattava però, com’è stato successivamente chiarito, di persone in quarantena alloggiate allo Statuario perché, l’albergo di via Siderno in accordo con la Regione Lazio, sta destinando alcune stanze al contenimento dell’emergenza coronavirus. Ma in quella struttura, a differenza di quanto dichiarato dai due leghisti, non sono arrivati altri ospiti da Torre Maura.

Notizia smentita

“Smentisco categoricamente la falsa notizia diffusa da Politi e Cerquoni secondo cui, nell’albergo di via Siderno, sono presenti 20 persone arrivate da Torre Maura – ha dichiarato Monica Lozzi, interpellata da Romatoday – ho chiesto in mattinata al responsabile locale della Asl Rm2 aggiornamenti proprio su quella struttura. Lì, come avevo già dichiarato nella serata del 14 aprile, sono arrivate cinque persone. Ma nessuna di queste proviene dalla centro d'accoglienza di via Codirossoni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

No alle fake news

Sono dodici al momento, e non venti, gli ospiti nell’albergo di Statuario. Ma soprattutto, come ha ribadito la minisindaca, nessuno è stato trasferito lì da Torre Maura. “Respingo al mittente le critiche contenute nel comunicato della Lega. E mi meraviglia che Politi e Cerquoni, nonostante siano consiglieri del Campidoglio e del Municipio, ancora non abbiano capito che la gestione sanitaria e quella della Forza pubblica non siano di competenza né di Roma Capitale né del Municipio. Per quanto, continueremo ad essere trasparenti aggiornando i cittadini tutti i giorni con le nostre dirette su facebook – ha aggiunto la presidente Lozzi – alla Lega invece chiedo più responsabilità. Alimentando false notizie, come in questo caso, creano inutile allarmismo. E soprattutto in questi momenti, comportamenti del genere, andrebbero proprio evitati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento