Martedì, 19 Ottobre 2021
Politica Pietralata / Via Gerardo Chiaromonte

Migranti a Tiburtina: "Chiesta occupazione suolo pubblico per ragioni umanitarie"

La richiesta avanzata al municipio dai parlamentari di Sinistra Italiana, Massimo Cervellini e Stefano Fassina e dalla consigliera Giovanna Seddaiu. I volontari del Baobab: "Anche quest'anno senza struttura"

Sgombero scongiurato per il nuovo presidio umanitario dell'ex Baobab. I migranti sono tornati su via Chiaromonte dopo il blitz degli agenti di Polizia che in mattinata hanno provveduto all'ennesima operazione di identificazione. Esultano gli attivisti riusciti a salvare tende e effetti personali dall'intervento di Ama: "Ce l'abbiamo fatta". Ma il quadro resta instabile e di fatto sul fronte dell'accoglienza ai migranti si naviga a vista. 

Stavolta l'escamotage per restare sul posto ad accogliere i "transitanti" (rifugiati a Roma solo di passaggio, diretti in nord Europa) arriva dai parlamentari di Sinistra Italiana, Massimo Cervellini e Stefano Fassina. Il reato contestato è occupazione abusiva di suolo pubblico? E allora il II municipio potrebbe rilasciare un apposito permesso "per ragioni umanitarie". La richiesta ufficiale è già partita. Tocca aspettare lunedì, primo giorno feriale utile, e attendere il responso. 

Ci sarà un canone da pagare come avviene per le assegnazioni canoniche? "Questo non lo sappiamo - spiega Andrea Costa, portovoce dei volontari, a RomaToday - ma negarlo sarebbe assurdo, non diamo fastidio a nessuno in quest'area, non intralciamo il traffico non ci sono case di residenti". Nel frattempo il dipartimento Politiche Sociali ha messo a disposizione 30 posti letto per altrettanti migranti nella rete dei centri di accoglienza della Capitale. 

"Siamo contenti ma è un palliativo perché al momento abbiamo circa 150 persone che necessitano di un tetto e il flusso di arrivi è continuo". Già, a Roma serve un hub dell'accoglienza. Ma il Ferrhotel non sarà disponibile prima di gennaio, quando invece l'amministrazione l'aveva promessa per giugno. Un'altra stagione estiva senza soluzioni strutturali a garanzia di una degna accoglienza. 

Sul posto dalle prime luci dell'alba la consigliera del II municipio Giovanna Seddaiu, responsabile migrazione e accoglienza di Sinistra Italiana Roma. "Ci siamo subito attivati per la richiesta dell'Osp al municipio dopo una lunga trattativa con le forze dell'ordine. Siamo ora in attesa di risposta dagli uffici competenti ma soprattutto una risposta dall'assessore Baldassarre e dalla sindaca Raggi per quanto riguarda la volontà politica nel voler risolvere la situazione. Delle 84 persone accompagnate a via Patini solo 30 sono state collocate nella rete formale di accoglienza, gli altri non trovano posto e non avranno altro luogo dove andare se non il presidio dei volontari del Baobab Experience". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti a Tiburtina: "Chiesta occupazione suolo pubblico per ragioni umanitarie"

RomaToday è in caricamento