Venerdì, 19 Luglio 2024
Politica

Metro C, nuova lettera del costruttore: “Roma Capitale ci deve più di 11 milioni di euro”

Messa in mora da parte del consorzio che sta costruendo la terza linea del TPL romano: “Ogni ingiustificato e ulteriore ritardo comporta crescenti danni alle finanze pubbliche”

Il consorzio Metro C ScpA torna a intimare Roma Capitale di pagare oltre 11 milioni di euro, corrispondenti agli “ulteriori importi dovuti a titolo di rivalutazione valutaria ed interessi sanciti” dal lodo arbitrale che l’Amministrazione Capitolina ha controfirmato.

Scrive Metro C in una lettera che Roma Today ha potuto visionare che solo dopo continue e reiterate ingiunzioni di pagamento l’amministrazione capitolina si sarebbe decisa a versare a Metro C una tranche da 15,5 milioni di euro, corrispondente alla sola “sorte capitale” determinata nel lodo. Tale cifra, continua il costruttore, è stata in gran parte imputata agli interessi di mora accumulati sulle fatture di pagamento inviate sin da ottobre 2013. Dunque Roma Capitale intendeva liquidare la parte capitale, quando invece per Metro C ad essere pagati sono stati solo gli interessi, e nemmeno tutti.

Infatti Roma Metropolitane, stazione appaltante del Comune di Roma di cui oggi si discute l’accorpamento insieme ad Agenzia della Mobilità, dovrebbe a Metro C innanzitutto una cospicua cifra parte del più ampio contenzioso da 700 milioni di euro su cui Roma Today si è già concentrata; inoltre, come somma immediatamente esigibile, viene richiesta la posta degli “ulteriori importi dovuti a titolo di rivalutazione monetaria ed interessi sanciti dal lodo arbitrale che Roma Capitale non ha provveduto ancora a finanziare”, corrispondenti appunto a 11 milioni di euro, secondo quanto apprende RT.

Continua infine Metro C avvertendo che “ogni ulteriore ingiustificato ritardo nel compimento degli adempimenti dovuti costituisce causa di progressivo aggravio degli oneri a carico della finanza pubblica”, il che significa che o Roma Capitale prontamente paga quanto deve, o si apre lo spazio per una segnalazione agli enti competenti per danno erariale conseguente alla crescita indiscriminata degli interessi di mora. I pagamenti richiesti vengono così qualificati come “urgenti” dalla società costruttrice della linea verde della metro romana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro C, nuova lettera del costruttore: “Roma Capitale ci deve più di 11 milioni di euro”
RomaToday è in caricamento