rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Politica

La Metro C punta sulle Olimpiadi 2024: "Arriveremo fino a Farnesina"

"Fino al 2018 per agganciare il finanziamento" ha spiegato il presidente di Roma Metropolitane nel corso di una commissione dedicata. Intanto l'assessore Improta annuncia penali per i costruttore: "Per Lodi siamo in ritardo di 8 mesi"

L'orario prolungato della tratta Pantano-Centocelle fino alle 21.30 entro febbraio. L'infrastruttura fino a Lodi entro giugno, al massimo fine luglio. Entro il 2016, la stazione di San Giovanni e, si spera, la “creazione delle condizioni” per far arrivare la linea fino a Ottaviano. Per il 2018, la proposta appena accennata, di far arrivare la linea C della metropolitana a Farnesina in tempo per inserirla tra le infrastrutture per le Olimpiadi. È ricco il piatto messo sul tavolo della commissione speciale Metro C dal presidente di Roma Metropolitane Paolo Omodeo Salé e dall'assessore alla Mobilità Guido Improta che intanto, però, si sta preparando a riscuotere le penali per i ritardi registrati nella realizzazione dell'opera. 8 mesi di ritardi rispetto a quanto contenuto nell'atto attuativo firmato nel settembre del 2013 che potrebbero costare al consorzio costruttore “32 milioni di euro di penali visto che ogni giorno comporta una sanzione di 130.000 euro" ha spiegato Improta.

LA METRO C FINO ALLA FARNESINA – Ecco la proposta avanzata da Salé: “Le Olimpiadi che ci aiutano. Abbiamo tre anni fino al 2018 per agganciare il finanziamento del prolungamento della linea C fino a Farnesina, vicino allo stadio, dimostrando al Cio che abbiamo il requisito dell'accessibilità nei pressi degli impianti con il tpl su ferro. Pensiamo che si possa procedere da Clodio a Farnesina direttamente senza la fermata intermedia Auditorium".

ENTRO IL 2016 A OTTAVIANO – A tracciare una linea verso la fine della tratta invece Improta: “Mi auguro, e credo, che entro il 2016 si creino le condizioni per parola definitiva per far arrivare la linea C fino a Ottaviano". Intanto, ha chiarito, "abbiamo depositato il 23 dicembre il progetto definitivo della stazione Venezia e il preliminare fino a Ottaviano. E stiamo definendo la zona di entrata delle talpe ad Ottaviano".

SAN GIOVANNI NEL 2016 – E se la tratta fino a Lodi dovrebbe essere aperta al massimo entro fine luglio, come ha ricordato Improta la stazione di San Giovanni “sarà aperta nel 2016”.

RITARDI E SANZIONI – Improta ha anche quantificato l'ammontare della sanzione per il ritardo accumulato nella consegna della tratta fino a Lodi: “Abbiamo 8 mesi di ritardo, visto che il 30 aprile sarà consegnata la tratta fino a Lodi, rispetto alle date dell'atto attuativo. Per ora abbiamo calcolato sulla carta 32 milioni di penali per metro C visto che ogni giorno comporta una sanzione di 130.000 euro” ha spiegato Improta. "Il 22 dicembre c'è stata riunione presso l'assessorato dove RomaMetropolitane e Metro C spa hanno convenuto, con il mio avallo, di definire il quantum delle penali dopo la consegna di Lodi. All'indomani di questa apertura calcoleremo la cifra esatta delle penali, perché Metro C spa ritiene di avere argomenti a suo favore come il ritardo nei pagamenti. Metro C riconoscerà comunque una cifra all'amministrazione per questi ritardi". Poi ha aggiunto Salé: "Ad ogni modo abbiamo notificato a Metro C che sono formalmente in fase di penale". 

LA VIABILITA' - "Quando apriremo la tratta Centocelle-Lodi della linea C sposteremo il capolinea dell'autobus 50 express da Centocelle, dove si trova ora, a Lodi per far arrivare le persone a San Giovanni e Termini" ha spiegato l'assessore. "Con l'apertura di Lodi elimineremo anche il bus 105 già oggi la sua frequenza è passata da 3 a 6 minuti. E contestualmente sulla linea C siamo passati da 70 persone a treno a 300".

ROMA-LIDO – Non solo metro C. Improta ha parlato anche di un potenziamento della Roma-Lido: “Deve essere potenziata. Lo può fare il pubblico o il privato ma è un delitto che resti così senza decisioni strategiche. In questa fase stiamo climatizzando i treni: l'obiettivo per l'estate 2015 è avere tutti treni climatizzati ed è questo il motivo per cui in questo momento ce ne sono meno in esercizio sulla linea” ha spiegato Improta.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Metro C punta sulle Olimpiadi 2024: "Arriveremo fino a Farnesina"

RomaToday è in caricamento