Politica

Metro allagate, Improta contro Atac: "Il nubifragio non giustifica i disagi"

L'assessore alla Mobilità di Roma Capitale chiede accertamenti ai vertici della municipalizzata capitolina: "Perché non si sono messi in sicurezza gli impianti e perché le pompe di aggottamento non sono entrate in funzione"

Immagine di repertorio

Chiede accertamenti ai vertici Atac l'assessore alla Mobilità Guido Improta, poche ore dopo un violento nubifragio che, per l'ennesima volta, ha messo in ginocchio diverse zone della Capitale. Stazioni allagate e chiuse, tratte di servizio sospese, come da Arco di Travertino ad Anagnina della linea A, anche se i disagi non sono mancati nemmeno sulla linea B. La metropolitana di Roma non ha retto al maltempo. E se il sindaco Ignazio Marino in occasione dell'alluvione del gennaio scorso si vantò che il sistema delle metropolitane aveva retto, per quanto accaduto in queste ore non si può replicare.

“Ho chiesto ai vertici di Atac di accertare le gravi e diffuse responsabilità che hanno determinato l’allagamento delle stazioni Anagnina e Cinecittà della linea A della metropolitana” dichiara Importa in una nota.

Per l'assessore “l’eccezionalità del nubifragio che si è abbattuto ieri pomeriggio, in particolare sulla zona sud di Roma, non può giustificare l’interruzione del servizio”. L'interruzione infatti iniziata nel pomeriggio di ieri è durata per tutta la notta fino alla mattina. “Voglio sapere perché non si sono messi in sicurezza gli impianti e perché le pompe di aggottamento, indispensabili per portar via l’acqua dalle gallerie, non sono entrate in funzione” ha concluso l'assessore.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro allagate, Improta contro Atac: "Il nubifragio non giustifica i disagi"

RomaToday è in caricamento