Mercati rionali, operatori in rivolta: irricevibili le proposte di Roma Capitale

Le associazioni di gestione dei servizi (AGS) dei Mercati considerano un'imposizione la convenzione imposta dal Campidoglio. Papetti: "Paghiamo troppe tasse, non la firmiamo"

Il braccio di ferro tra il Campidoglio e le AGS (associazioni di gestione dei servizi dei mercati) continua. Il volto sorridente del presidente della Commissione Commercio Andrea Coia ed il suo invito a "stringersi la mano" non ha sortito l'effetto sperato. Al contrario, ha provocato una dura reazione da parte delle associazioni di gestione dei servizi.

Un risultato contestato

Martedì 4 dicemrbe l'Assemblea Capitolina ha approvato, tra i fischi degli operatori, una mozione che porterà  ad una riduzione del canone di locazione. L'attuale sconto del 50% di cui le AGS attualmente fruiscono, sale nel 2019 al 65%.  Poi, "a partire dal 2020 si passerà a meccanismi premiali" aveva anticipato Andrea Coia. Messa così sembra una vittoria perchè ottenere uno sconto del 15 % rispetto all'anno in corso, produce un discreto risparmio . A sentire però le assocazioni che gestiscono i mercati rionali, il risultato appare a dir poco deludente.

Il costo della gestione dei mercati rionali

"Noi veniamo da due anni in cui l'amministrazione capitolina ha tagliato le risorse dei mercati del 50% – spiega Valter Papetti, coordinatore delle AGS romane – Fino al 2016 avevamo un abbattimento  che arrivava all'80%. All'amministrazione quindi corrispondevamo il 20% dei canoni ed il resto  lo trattenevamo per la gestione dei servizi in convenzione. Con quelle somme quindi andavano a fronteggiare i costi della polizza assicurativa, delle utenze, della manutenzione, della pulizia, della vigilanza". 

La crisi del settore

Dal 2017 però la situazione è mutata. "L'amministrazione capitolina, in modo unilaterale e senza averci consultato ha modificato le tariffe. Era nelle sue facoltà – riconosce il coordinatore delle quasi 50 AGS romane – però così facendo, per due anni, siamo andati incontro a pesanti sofferenze economiche". Difficoltà che si sommano ad una crisi del settore. Basta farsi un giro per i mercati rionali per constatare quante sono le saracinesche dei box che restano abbassate. Se è vero che il consigliere Coia ha dichiarato che "stiamo avviando i bandi per i posteggi rimasti liberi nei mercati con la novità della somministrazione ed il consumo sul posto", è altrattanto vero che l'ultima gara risale al 2013. E quindi  in questi anni non c'è stato quel  turn over necessario al mantenimento di un'offerta commerciale adeguata.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La convenzione respinta dagli operatori

Ricapitolando: nel biennio 2017-2018 il canone di locazione è stato scontato solo del 50%. Nel 2020 entrerà in funzione un meccanismo di premialità che, in base ai bilanci presentati, consentirà alle AGS di ottenere tagli che vanno dall'80% al 35%. Nel 2019, l'assemblea capitolina ha deciso di porare la quota di riduzione delle tariffe al 65%. Ma la proposta di convenzione che il Campidoglio ha inoltrato alla associazioni di gestione, non è piaciuta. "In attesa che dal 2020 sia attivato un meccanismo di premialità, Avevamo suggerito, dopo due anni di lacrime e sangue, di ristabilire per l'anno prossimo il taglio dell'80% Non l'hanno accolto. Per noi  - conclude Papetti - la loro proposta è irricevibile e non la firmiamo. Siamo disposti a pagare il canone per intero:: in tal modo ci libereremo di molte seccature". Questo significa che la gestione dei mercati, dalla loro pulizia alla manutenzione, dovrà essere gestita direttamente dal Campidoglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

  • Coronavirus, a Roma città 25 nuovi positivi al Covid19: 34 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento