Pomezia, le mense scolastiche a Cinque Stelle: "Vuoi il dolce? Paga di più"

Nel Comune guidato dal pentastellato Fabio Fucci dal prossimo anno ci saranno due menù diversi. Per avere il dolce i bambini dovranno pagare 40 centesimi in più

Il dolce solo a chi paga di più. E' bufera sulla decisione dell'amministrazione pentastellata di Pomezia. guidata dal grillino Fabio Fucci, di differenziare i menù per i bambini della scuola a seconda delle possibilità di spesa dei loro genitori. Il nuovo capitolato prevede ue menù, con o senza dessert, a prezzi differenti. Risultato? I figli di chi non può permettersi di pagare il menu' completo restano senza dolce.

L'idea è nata secondo l'amministrazione per venire incontro alle richieste di alcune famiglie a reddito basso ma ha scatenato subito pesanti polemiche.

"E' inaccettabile la scelta operata dalla giunta grillina di Pomezia di utilizzare due menù nelle mense scolastiche a seconda della possibilità di pagamento dei genitori dei bambini. In sostanza a chi paga di più viene fornito un pasto completo! E questo in una scuola pubblica!". E' quanto dicono in una nota congiunta la vice presidente del Senato Valeria Fedeli (Pd) e il collega di gruppo Raffaele Ranucci.

"Una cultura discriminatoria quella portata avanti dal Movimento 5 stelle- sottolineano- che, nascondendosi dietro al cosiddetto governo partecipato, arriva al punto di far subire a dei bambini nell'età più delicata l'esperienza più terribile: la diseguaglianza sociale. Una decisione incredibile per un partito che in questi giorni si candida a rappresentare i cittadini in Europa e che rivela la sua vera indole, quella di un movimento che vuole minare alle fondamenta la convivenza civile e democratica del paese. Nello specifico- spiegano i due senatori Pd- si tratta di un appalto che durerà tre anni e fornirà oltre 400 mila pasti l'anno, che contempla un menù completo e uno ridotto con due costi diversi per le famiglie differenziandosi per la presenza o assenza della portata del dolce. Una scelta, vogliamo ricordare, che colpisce bambini sia della scuola primaria che dell'infanzia e che non fa in alcun modo riferimento a convinzioni alimentari (ad esempio per vegetariani, vegani) ma solo ed esclusivamente a parametri economici".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

  • Coronavirus, a Roma città 25 nuovi positivi al Covid19: 34 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento