rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Politica

Campidoglio, l'attacco di Martina: "Raggi si dimetta. Città allo sbando"

Il segretario reggente del Pd contro la sindaca

"La Raggi deve tenere conto di quello che non è stata in grado di fare e dovrebbe valutare seriamente la possibilità di lasciare il campo". Un "invito" alle dimissioni rivolto all'inquilina del Campidoglio da parte del segretario dem reggente Maurizio Martina. E non solo per l'indagine sullo stadio della Roma, che non la vede implicata sul piano penale (lo ricordiamo) ma certo la coinvolge su quello della responsabilità politica. Il riferimento di Martina è al malgoverno della città. 

"La responsabilità politica di Raggi è evidentissima. E' una città allo sbando" ha detto ospite di Non stop News su RTl 102.5. "Pur essendo da un'altra parte, non tifo per il disastro - ha proseguito - non gioisco perchè la Capitale viene gestita male, ma la sindaca Raggi deve prendere atto delle sue difficoltà a gestire Roma". Incalzato dai conduttori, Martina ha sottolineato che il Pd capitolino ha chiesto le dimissioni della prima cittadina di Roma: "Abbiamo sempre cercato di stare sul tema della responsabilità politica e amministrativa. Stiamo dicendo da giorni alla sindaca di prendere atto di una situazione che non riesce a gestire, in una realtà difficilissima".

Ad attaccare la sindaca in mattinata anche esponenti del Pd locale, per l'ennesima scena di degrado legata a rifiuti abbandonati in strada: una famigliola di cinghiali ripresa a banchettare tra i sacchetti, in zona Monte Mario. Così su Twitter il segretario del Pd Roma Andrea Casu: "Il fallimento #Raggi mette ogni giorno a rischio salute e sicurezza di tutti i romani. Ogni giorno che passa #Roma assomiglia sempre di più al set di un 'disaster movie' Oggi decine di cinghiali tra i rifiuti a Monte Mario a pochi passi da una scuola aperta per i campi estivi!". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campidoglio, l'attacco di Martina: "Raggi si dimetta. Città allo sbando"

RomaToday è in caricamento