rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Politica

Corruzione, chiesto giudizio immediato per Marra e Scarpellini

L'indagine ruota attorno al denaro, circa 370 mila euro, che Marra avrebbe ricevuto da Scarpellini, nel 2013 per l'acquisto di un appartamento in zona Prati Fiscali

La procura di Roma ha chiesto il giudizio immediato per l'ex capo del personale del Campidoglio, Salvatore Marra, e per l’imprenditore Sergio Scarpellini, accusati di "corruzione" nell'ambito di una inchiesta per una compravendita immobiliare.  

L'indagine ruota attorno al denaro, circa 370 mila euro, che Marra avrebbe ricevuto da Scarpellini, nel 2013, per l’acquisto di un appartamento in zona Prati Fiscali. Il passaggio di denaro, secondo la Procura, sarebbe servito a Scarpellini per garantirsi dei favori da parte del dirigente comunale. 

A firmare il provvedimento il procuratore aggiunto Paolo Ielo ed il sostituto Barbara Zuin. Entrambi gli indagati (Marra è sempre a Regina Coeli, mentre Scarpellini è detenuto presso il domicilio) hanno respinto l'accusa sostenendo che la somma di danaro oggetto di contestazione costituisse un semplice prestito. In caso di giudizio immediato i due indagati andrebbero direttamente a giudizio senza passare per l'udienza preliminare.

LEGGI ANCHE: 

Arresti, Marra: "Io a disposizione di Scarpellini? Solo cortesia"

Sequestrato l'appartamento di Marra a Prati Fiscali: acquistato con i soldi di Scarpellini

Caso Marra, Beppe Grillo sul blog: "Il MoVimento non è a disposizione di Scarpellini" 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione, chiesto giudizio immediato per Marra e Scarpellini

RomaToday è in caricamento