Stadio, Marino attacca la Raggi: "Ha cancellato tutte le opere pubbliche. Come ci si arriva?"

L'ex sindaco ospite su La7: "Tutti incolonnati sulla vecchia via del Mare, questo è quello che accadrà". Il capogruppo Ferrara: "Marino cita cifre a caso"

Ancora polemiche sullo stadio della Roma. Il progetto 2.0 che ha portato all'accordo tra l'amministrazione pentastellata e la società giallorossa, non convince l'ex sindaco Ignazio Marino che ieri, ospite di Giovanni Minoli a Faccia a Faccia su La7, non ha usato giri di parole per attaccare la Raggi. "Oggi può dire con soddisfazione di avere approvato il progetto iniziale dei costruttori che la giunta Marino aveva bocciato".

Secondo l'ex sindaco la Raggi "ha cancellato tutte le opere di interesse pubblico da noi ottenute, più di 250 milioni di euro per i trasporti e un parco grande come Villa Borghese. Ha fatto un favore ai costruttori". E questo secondo il chirurgo genovese avrà ripercussioni sulla fruizione dell'impianto. "Come ci si andrà allo stadio? Tutti incolonnati sulla vecchia via del Mare, questo è quello che accadrà perché vengono cancellati il ponte pedonale che collega con la Roma-Fiumicino dall'altro lato del fiume, viene cancellato un ponte sul fiume che collega l’autostrada Roma-Fiumicino con la via del Mare, viene cancellato completamente il rifacimento di tutta la via del Mare fino al Raccordo e viene cancellato il prolungamento della metro B. Al posto delle torri poi avremo 18 edifici alti sette piani. Meglio questo oppure tre grattacieli disegnati da uno dei più grandi architetti che rimarrebbero nella storia dell’architettura?".

La replica a Marino è affidata a Paolo Ferarra, capogruppo del M5s in Campidoglio: "Marino cita cifre a caso. I numeri però sono chiari e dalla nostra parte: un taglio del 60% del Business Park. E' un dato importante. Significa che grazie al M5S è stata tagliata oltre la metà degli edifici privati". Ferrara replica anche sulle opere pubbliche: "Rifaremo la via del Mare da viale Marconi fino al Grande Raccordo Anulare; potenzieremo la linea ferroviaria Roma-Lido con una stazione moderna a poche centinaia di metri dallo Stadio; abbiamo fatto innalzare tutti gli standard qualitativi di progettazione, quelli delle attività di costruzione e anche quelli di realizzazione finale dal punto di vista ambientale convincendo i costruttori ad adottare il livello A4, il più alto al mondo; il parco anche sarà migliorato con verde attrezzato e telecamere di sicurezza; il quartiere di Decima e tutta la zona saranno messi in sicurezza dal punto di vista idrogeologico per dire addio agli allagamenti che hanno subito fino ad ora".

Proprio sulle opere pubbliche si stanno concentrando gran parte delle polemiche e prevedibilmente andrà avanti un braccio di ferro. Nei fatti a saltare è il prolungamento della metro b a Tor di Valle. Ci sarà una fermata della Roma Lido che non verrà più potenziata con l'acquisto di 15 treni. E' sui tempi della realizzazione delle opere sorgono dubbi. Secondo le opposizioni dal progetto emerge come queste saranno costruite successivamente allo stadio, "il che", spiega l'ex minisindaco del XI municipio Maurizio Veloccia, "significa non farle". 

E su questo la Regione vuol vederci chiaro. L'assessore regionale Michele Civita: "Mentre è stato detto chiaramente che le attuali cubature saranno ridotte in modo significativo, non si conoscono ad oggi le opere e le infrastrutture che l'accordo reputa indispensabili per garantire la mobilità sia pubblica che privata, il miglioramento dell'ambiente e della qualità urbana, decisivi per uno sviluppo sostenibile di quel quadrante della città. Su tutto ciò la Regione, in modo costruttivo e in coerenza con l'attività fin qui svolta, eserciterà il ruolo e la funzione di sua competenza". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

Torna su
RomaToday è in caricamento