Marino assolto: non diffamò il Movimento Cinque Stelle. L'ex sindaco: "Soddisfatto ma non allegro"

Marcello De Vito, Virginia Raggi, Enrico Stefàno, Daniele Frongia, Roberta Lombardi e Gianluca Perilli denunciarono l'allora primo cittadino per diffamazione

"Oggi il Tribunale di Roma mi ha assolto in relazione a un'altra denuncia del MoVimento 5 Stelle nei miei  confronti. Il 20 aprile 2015 Marcello De Vito, Virginia Raggi, Enrico  Stefàno, Daniele Frongia, Roberta Lombardi e Gianluca Perilli mi  denunciarono alla Procura di Roma affermando che li avevo diffamati". A darne l'annuncio su facebook l'ex sindaco di Roma Ignazio Marino.  

All'epoca Marino era ancora in carica e durante la campagna dei Cinquestelle perchè rimettesse il mandato, disse: "Il Movimento 5 Stelle, sperando di raccogliere maggiore consenso, fa le stesse richieste della mafia, cioè che gli onesti vadano a casa". Argomentò poi la frase dicendo: "Chi chiedeva le mie dimissioni oggettivamente auspicava lo stesso esito politico del mio mandato sperato da Buzzi e Carminati". Da qui partì il giudizio per diffamazione.

"Il sostituto procuratore Ielo", racconta Marino, "l'8 maggio 2015, chiese l'archiviazione con questa motivazione: "non avendo il Marino utilizzato espressioni gratuitamente denigratorie della dignità e della reputazione altrui. Il Giudice per l'Udienza Preliminare", racconta ancora l'ex sindaco su facebook, "decise di rinviarmi a giudizio e così iniziò il processo che si è concluso oggi, dopo 4 anni, con la mia assoluzione. Ancora una volta mi ritrovo con gli  stessi sentimenti: soddisfatto ma non allegro". 

"Quante ore perdute in questi anni nel prepararsi per il Tribunale, quante energie investite da un Maestro del Diritto come il Professor Enzo Musco e dalla sua ottima allieva, l'avvocato Alessandra Martuscelli, quante ansie per i miei familiari e per le persone che mi vogliono bene. Avventure (o meglio disavventure) come questa allontaneranno molte persone motivate e per bene dall'impegno nella vita pubblica del Paese. Alla fine, questo sarà il lascito dell'aggressività di chi vive l'impegno pubblico come una 'battaglia per il potere' e non come servizio per il bene comune", conclude Marino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Spari a corso Francia: ladri di Rolex si schiantano contro auto della polizia dopo inseguimento

  • Vede i ladri in casa dalle immagini video, arrestati dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Terremoto a Roma: scossa ai Castelli Romani avvertita nella Capitale

  • Tragedia sulla Tuscolana: accusa malore nel negozio e muore

Torna su
RomaToday è in caricamento