Teresa Zotta è il nuovo vicesindaco della Città metropolitana: "Province da riformare. Troppi sprechi e inefficienze"

La consigliera a RomaToday: "Riforma Del Rio monca, così com'è fa solo danni"

Virginia Raggi e Maria Teresa Zotta

Maria Teresa Zotta è il nuovo vicesindaco della Città Metropolitana. Dopo un anno e mezzo d'attesa, dalla sospensione dal Movimento dell'ex grillino Fabio Fucci con annessa revoca delle deleghe, ecco la nuova nomina. La consigliera, presidente in Campidoglio della commissione Scuola, coprirà la poltrona di vice mantenendo un pacchetto di deleghe corpose: bilancio, partecipate, edilizia scolastica, formazione professionale, politiche turistiche, culturali, dello sport e giovanili.

"Sono soddisfatta che Teresa Zotta abbia accettato questo importante incarico e per questo la ringrazio" ha commentato la sindaca Raggi. Lei dal canto suo ricambia. "Ringrazio la sindaca per la fiducia che ha riposto in me. Non nascondo una certa apprensione per il grande impegno che mi aspetta - commenta a RomaToday - i compiti assegnati all'ente sono tanti e tanto è il lavoro cha abbiamo davanti"

Poi, sulla questione delle Città metropolitane e della riforma degli enti locali, ennesimo fronte di scontro tra M5s e Lega precisa: "Sicuramente gli enti vanno rimodulati, la riforma Delrio è una riforma monca che ha fatto più danni che altro. Troppe competenze e pochi fondi in proporzione". Un malcontento più volte manifestato anche dai primi cittadini dell'hinterland in sede di Conferenza dei sindaci. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul tema, lo ricordiamo, il leader del M5s Luigi Di Maio ha dettato la linea: "Per me le Province si tagliano. Ogni poltronificio per noi deve essere abolito. Efficienza e snellimento, questi devono essere i fari". Non proprio sulla stessa lunghezza d'onda l'alleato di governo Matteo Salvini. "L'abolizione delle Province è una buffonata che ha portato disastri soprattutto nelle manutenzione di scuole e sulle strade - ha attaccato il capo della Lega - vogliamo dare un servizio ai cittadini e se Comuni e Regioni non ce la fanno servono le Province". L'ennesimo braccio di ferro tra gialli e verdi. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento