Marciapiedi off limits per le persone disabili. E con i rifiuti la situazione peggiora

La presenza dei rifiuti sui marciapiedi sono un'altra barriera architettonica con cui i romani devono confrontarsi. Argentin (PD): "Se la Raggi vuole verificare di persona quali problemi dobbiamo affrontare, può venire in carrozzina con me"

Tra le tante questioni che l’emergenza rifiuti scatena, c’è anche quella dei sacchetti abbandonati. Lasciati per giorni attorno ai cassonetti, finiscono inevitabilmente per accumularsi sui marciapiedi. Un ostacolo che diventa una vera e propria barriera architettonica per le persone costrette a spostarsi sulle carrozzine ortopediche. Certamente non è l’unica difficoltà, in una città storicamente ricca di trappole.

Onorevole Argentin, lei circa tre settimane fa denunciava le condizioni d’impraticabilità dei marciapiedi di via Ostiense. Cos’aveva trovato di particolarmente insolito?

Avevo visto una signora costretta a lasciare il marciapiede per spostarsi al centro della strada. I rifiuti abbandonati sono un problema ma certamente non sono il solo. Un’altra insidia è rappresentata dai cartelli pubblicitari, che vengono sistemati in mezzo al marciapiede. Per non parlare delle foglie che si accumulano e che basterebbe spazzare via. Sono tutti problemi che, in alcune zone di Roma, sono più pronunciati che in altre. Perchè ad esempio nella zona di Garbatella, le persone con disabilità o gli anziani non autosufficienti, sono uno ogni 70 normodotati. Quindi lì chiaramente questi problemi sono più percepiti.

Ma è una questione che non riguarda solo il Municipio VIII recentemente passato sotto la guida della Sindaca Raggi...

Esatto. Questa mattina mi sono recata nel Municipio XIV a Torrevecchia, dove ho incontrato un’associazione. Anche lì ho trovato una situazione sconvolgente, con rami potati lasciati chissà da quanto tempo in terra. In questo caso sono stata io a dovermi spostare passando in mezzo alla strada. Ed ovviamente camminare così è pericoloso. 

Oltre ai pali dei cartelloni pubblicitari, ai rifiuti ed alle potature dimenticate, quali altre insidie si presentano per chi si sposta a Roma sulla carrozzina?

Diciamo che con 2 gocce d’acqua questa città si riempie di pozzanghere che t’impediscono di camminare, cosa che chiaramente non si può imputare alla Raggi. Un altro problema è dato dal modo in cui sono fatte le pedane. I tecnici nei vari municipi dovrebbero essere formati sul modo corretto di realizzarle, perché spesso le rotelle piccole della carrozzina si impuntano tra la strada e la rampa. E si rischia di cadere.

Ma questi problemi ci sono sempre stati oppure recentemente ha notato meno attenzione su queste tematiche?

Posso parlare della mia esperienza. Io sono stata consigliera comunale una volta con Rutelli e due con Veltroni. Durante il secondo mandato di Veltroni, attivammo un progetto: un osservatorio di autodenuncia  che raccoglieva le segnalazioni delle persone con difficoltà. Per cui poi, ad ogni bilancio, si stabiliva quali fondi destinare per ciascuno di quest’intervento. Tutto questa attenzione, successivamente è venuta meno. Tuttavia da Alemanno in poi, ad ogni tornata elettorale, i candidati  si sono riempiti  la bocca parlando del proposito di abbattere le barriere architettoniche. Dopodichè non si fa praticamente nulla. Lo trovo odioso.

Se dovesse rivolgere un appello alla Sindaca Raggi, cosa proporrebbe?

Intanto le consiglierei di richiamare alle proprie responsabilità i vari presidenti dei municipi. Poi le chiederei d’intervenire per abbattere davvero le barriere architettoniche. Nel programma del M5s era previsto. Io mi metto anche a disposizione. Se lei ha voglia di provare con mano il disagio che si vive incontrando questi ostacoli sui marciapiedi, io sono disposta a mostrarglielo. Ci mettiamo tutte e due in carrozzina e ci facciamo un giro per la città. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

  • La voglia di festa sfida il Covid: in 34 assembrati in 70 metri quadri, la vicina chiama i carabinieri

Torna su
RomaToday è in caricamento